mercoledì 18 gennaio | 11:42
pubblicato il 07/gen/2013 12:27

Elezioni: Pannella a Monti, accogliete nostra lista e amnistia

Elezioni: Pannella a Monti, accogliete nostra lista e amnistia

(ASCA) - Roma, 7 gen - ''Spero che lei voglia offrire l'ospitalita' riparatoria, democratica che le chiediamo'' per ''sostenerla, e farla sostenere''. E' quanto si legge in una lettera inviata a Mario Monti, e ai membri del governo per conoscenza, da Marco Pannella.

''Ti avevo di gia' comunicato - prosegue Pannella - l'ipotesi e la scelta conseguente per le imminenti elezioni.

Mi avevi risposto che avresti riflettuto e fatto sapere la tua risposta. L'ho avuta quando hai annunciato 'urbi et orbi' quali fossero i tuoi alleati, i tuoi coalizzati. Temo che tu non sia stato aiutato a valutare pienamente le nostre, mie storie, non solo italiane, e il conseguente valore di quella ipotesi''.

''Noi chiediamo, esigiamo, qui ed ora, alle elezioni, cosi' come in ogni momento della nostra vita politica e in quella personale, che l'Italia, questa Italia, esca dalla assoluta flagranza criminale nella quale da decenni e decenni insiste, persevera nei confronti delle giurisdizioni europee, internazionali e - in primissimo luogo - della Costituzione italiana''.

In particolare, ''chiediamo: l'uscita dalla flagranza storica criminale e criminogena del nostro Paese. Tutto qua! La sola riforma strutturale dello Stato, della giustizia, concepita tanto quanto censurata, vietata, ignorata dal popolo e dalla democrazia italiani, e' manifestamente, materialmente, quella dell'Amnistia. Riducendo in tal modo a 2 milioni i 5 milioni di procedimenti penali, la 'non ragionevole durata' dei processi italiani.

''Caro Presidente - prosegue Pannella -, come gia' in passato, nella imperante situazione antidemocratica italiana noi Radicali abbiamo rinunciato a 'presentarci' in quanto tali. Abbiamo invece promosso una 'Lista di scopo', per tutti quelli che lo condividono. Per questa Lista chiediamo 'ospitalita'' alle tre coalizioni principali - per non dire consociate per concorrere (e insieme spartirsi) al bottino istituzionale - che potrebbe anche - in teoria, almeno! - fare rientrare in legalita' e democrazia il nostro Paese''.

E conclude: ''Se nessuno di voi accettasse di ospitare questo nostro modo di essere 'per l'Europa e il laicismo' noi continueremo ad adire a ciascuna e tutte le giurisdizioni sovranazionali, documentando la flagrante violazione dell'Italia dell'art. 7 del Trattato sull'Unione europea in combinato disposto con l'art. 2, con le conseguenze previste di sospensione dei diritti propri degli Stati membri. E continueremo a proporre e disporre di radicamenti popolari, rivoluzionariamente non violenti''.

com-ceg/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa