giovedì 23 febbraio | 08:45
pubblicato il 12/feb/2013 12:00

Elezioni/ Napolitano: periodo di cambiamenti, serve normalità

Dopo il voto farò quello che mi tocca fare

Elezioni/ Napolitano: periodo di cambiamenti, serve normalità

Roma, 12 feb. (askanews) - "E' un periodo di cambiamenti" ma "bisogna anche avere il senso della normalità". Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lasciando l'ambasciata italiana presso la Santa Sede dopo la cerimonia per l'anniversario dei Patti Lateranensi si rivolge così ai giornalisti. "E' un periodo di cambiamenti: uno del tutto imprevisto e di grande portata - ha spiegato il capo dello Stato - come quello determinato dall'annuncio del Papa, altri sono tutti cambiamenti che corrispondono alla normalità democratica. Ogni cinque anni si vota per il Parlamento e ogni sette per il presidente della Repubblica". Napolitano invita perciò a "avere il senso della normalità di questa dialettica democratica. Dopo il 24 febbraio vedremo cosa avrà deciso il popolo italiano e io farò quello che mi tocca fare nella fase immediatamente successiva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech