venerdì 09 dicembre | 13:37
pubblicato il 12/feb/2013 12:00

Elezioni/ Napolitano: periodo di cambiamenti, serve normalità

Dopo il voto farò quello che mi tocca fare

Elezioni/ Napolitano: periodo di cambiamenti, serve normalità

Roma, 12 feb. (askanews) - "E' un periodo di cambiamenti" ma "bisogna anche avere il senso della normalità". Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lasciando l'ambasciata italiana presso la Santa Sede dopo la cerimonia per l'anniversario dei Patti Lateranensi si rivolge così ai giornalisti. "E' un periodo di cambiamenti: uno del tutto imprevisto e di grande portata - ha spiegato il capo dello Stato - come quello determinato dall'annuncio del Papa, altri sono tutti cambiamenti che corrispondono alla normalità democratica. Ogni cinque anni si vota per il Parlamento e ogni sette per il presidente della Repubblica". Napolitano invita perciò a "avere il senso della normalità di questa dialettica democratica. Dopo il 24 febbraio vedremo cosa avrà deciso il popolo italiano e io farò quello che mi tocca fare nella fase immediatamente successiva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
L'armonia di Umbria jazz sposa l'eccellenza dei vini di Orvieto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina