sabato 03 dicembre | 01:48
pubblicato il 05/mag/2012 12:26

Elezioni/ Napolitano e la preoccupazione dell'antipolitica

Da mesi il Capo dello Stato invita i partiti ad autoriformarsi

Elezioni/ Napolitano e la preoccupazione dell'antipolitica

Roma, 5 mag. (askanews) - Alla vigilia di una tornata elettorale di amministrative particolarmente impegnativa che interesserà più di mille comuni in tutta Italia e che cade proprio nel mezzo della mission del governo Monti, la politica italiana vive la sua crisi più profonda dai tempi di Tangentopoli. Anche se il voto per i sindaci non è un voto ideologico e dunque l'astensionismo non dovrebbe essere decisivo, tuttavia non è escluso che l'elettorato voglia dare un segnale ai partiti che in questi anni non si sono mostrati capaci di risolvere i gravi problemi del paese e che si sono macchiati in alcuni casi di sprechi di denaro pubblico e abusi di potere. Riflessioni e preoccupazioni sul discredito della politica agli occhi dei cittadini che hanno ispirato al Presidente della Repubblica tanti moniti rivolti alle forze politiche affinchè sappiano risollevarsi dalla fase di "affanno" in cui versano e altrettanti messaggi di speranza al paese perchè non perda la fiducia nella politica. Il Capo dello Stato lontano dalla campagna elettorale che ha visto contrapporsi in queste settimane le diverse forze politiche e che ha inevitabilmente influenzato gli atteggiamenti dei partiti che sostengono il governo Monti, ha più volte espresso il suo pensiero e le sue preoccupazioni sull'antipolitica che si sta diffondendo e che vede rafforzarsi fenomeni di populismo e demagogia, come dimostra la crescita nei sondaggi del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo da cui tutti gli osservatori si aspettano un exploit proprio dal voto del 6 e 7 maggio. Napolitano non lo ha mai citato per nome ma in diversi discorsi era evidente il riferimento al comico genovese, per esempio quando il 25 aprile ha invitato a "non dare fiato ai demagoghi. Ci si fermi a riflettere prima di scagliarsi contro la politica", richiamando alla memoria il movimento dell'Uomo qualunque che si affermò dopo la caduta del fascismo. "Il marcio si deve estirpare - ha ripetuto il 17 aprile ricordando Benigno Zaccagnini - ma guai a demonizzare i partiti" e "a rifiutare la politica", aveva detto Napolitano mentre Grillo lanciava accuse contro i partiti "insaziabili come metastasi". Il Presidente della Repubblica avvertendo il sentimento di sfiducia degli italiani nei confronti della politica, forte del grande consenso che l'opinione pubblica gli conferma, ha cercato di porre un argine al dilagare del qualunquismo. E lo ha fatto fin dal gennaio scorso, mesi prima che scoppiassero le vicende giudiziarie sui rimborsi elettorali, in occasione del discorso all'università di Bologna il 30 gennaio scorso quando ricevette la laurea honoris causa in relazioni internazionali. "Dei partiti, come della politica, bisogna avere una visione non demoniaca, ma razionale e realistica. Tra il rifiutare i partiti e il rifiutare la politica, l'estraniarsi con disgusto dalla politica, il passo non è lungo ed è fatale, conduce alla fine della democrazia e quindi della libertà". Disse in quell'occasione ribadendo che "non c'è partecipazione senza il tramite dei partiti" che "possono conoscere periodi di involuzione e di decadenza, perdendo tra l'altro il senso del limite. Ma la sola strada che resta aperta è quella del loro autorinnovarsi". La preoccupazione di Napolitano è rivolta in particolare ai giovani spesso lontani dall'impegno pubblico per il paese al quale invece a suo avviso devono contribuire attivamente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari