martedì 17 gennaio | 14:15
pubblicato il 07/feb/2013 16:50

Elezioni: Meloni, oltre a ballerine ci sono grandi-piccoli partiti

Elezioni: Meloni, oltre a ballerine ci sono grandi-piccoli partiti

(ASCA) - Roma, 7 feb - ''Parafrasando una nota pubblicita', ci sono ''partiti grandi' e ci sono ''grandi partiti'. I primi sono quelli ''potenti', piu' che ''grandi', a volte numericamente forti, spesso con tanti soldi, visibilita' e un capo carismatico. Questi partiti hanno leadership autocratiche che funzionano benissimo nei contesti storici di passaggio tra un ciclo e l'altro, ma non sono quasi mai in grado di consolidare il progetto iniziale che aveva scatenato entusiasmi e aggregazione. Spesso questi ''partiti potenti' si riducono a comitati elettorali permanenti e ne approfittano personaggi impresentabili che, in breve, diventano veri e propri oligarchi. Risultato: il ''partito potente' si trova senz'anima e senza politica. Non conoscono regole, ne' democrazia, non prediligono il merito ne' sono interessati ad ascoltare. Perche' sanno odiosamente tutto loro. Piu' che ''partiti grandi' di una moderna democrazia sembrano corti caricaturali di vecchie monarchie fuori tempo.

Poi ci sono i ''grandi partiti' che attraversano il tempo, la loro dimensione numerica e' stabilita dalla gente che li vota e non dai ''potenti' poco consistenti. La loro grandezza e' data dalla straordinaria normalita' perche' sono lo specchio della societa'. In una Nazione in cui la politica e' ridotta a un circo, dove i ''partiti potenti' hanno trasformato nani, ballerine, veline, servitori sciocchi in rappresentanti del popolo e' una fortuna che esistano ancora ''grandi-piccoli partiti'''. Lo scrive Giorgia Meloni, fondatore di Fratelli d'Italia, in un editoriale pubblicato sul sito www.fratelli-italia.it.

''E' piccolo o grande chi ha un progetto politico ed e' libero dai condizionamenti? E come si puo' definire chi non accetta di essere catapultato in lista dal ''sovrano' e sceglie di misurarsi con il consenso della gente? E chi fa dell'onesta' una ragione di vita? Chi ha come obiettivo unico il bene nazionale? Chi vuole combattere le bande d'affari che hanno messo in ginocchio l'Italia? Chi vuole che a guidare la Nazione siano i migliori e non i piu' servili? Ecco perche' tifiamo per i ''grandi partiti' e ci auguriamo la sconfitta dei ''partiti potenti'. Tra il ''partito grande' e il ''grande partito' e' normale che esista una dialettica, soprattutto se sono nella stessa coalizione. Ma non si deve mai oltrepassare la misura'', spiega Meloni. ''Per questo - aggiunge Meloni - l'invito di Berlusconi e del PdL a non votare i piccoli partiti (che magari sono grandi) tradisce maleducazione e, anche, qualche timore. Del resto concorriamo insieme per impedire che l'Italia cada nelle mani di una ''Santa Alleanza' fatta da una vecchia sinistra e una nuova tecnocrazia senz'anima. Gli amici del PdL non lo dimentichino e, nel caso, si rileggano la storia di quei due, uno piccolo e uno grosso. Il primo e' risultato ''grande', il secondo solo ''potente'. Come si chiamavano? Ah si', Davide e Golia''.

com-ceg/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa