martedì 17 gennaio | 19:03
pubblicato il 24/gen/2013 10:44

Elezioni: Meloni (FdI), non c'entriamo con le esclusioni da Pdl di ex An

Elezioni: Meloni (FdI), non c'entriamo con le esclusioni da Pdl di ex An

(ASCA) - Roma, 24 gen - ''Una polemica antipatica di queste ore mette alcune mie recenti considerazioni in contrapposizione con quelle di alcuni amici ex An, presenti nelle liste elettorali del Pdl e non solo. Ho preso atto, dalla lettura dei candidati del Pdl e dalle dichiarazioni di autorevoli esponenti politici come Landolfi, Urso, Ronchi, Berselli, della precisione quasi chirurgica con la quale il Pdl ha falcidiato, nella composizione delle sue liste, coloro che vengono dalla storia della destra italiana''. Lo scrive Giorgia Meloni, tra i fondatori di Fratelli d'Italia-Centrodestra nazionale, sul sito www.fratelli-italia.it. ''E cio' che sconcerta - prosegue Meloni - non e' solamente che non si sia trovato spazio per tante persone capaci, oneste e preparate, con una lunga militanza alle loro spalle, ma che a queste si siano preferite new entry del calibro di Razzi e Scilipoti, Franco Carraro, l'immancabile meteorina e via discorrendo, per non parlare di tanti dei nomi confermati, cosi' privi di radicamento sul territorio da essere catapultati a centinaia di km di distanza dalle citta' di residenza. Mi stupisce che si preferisca accusare chi, come la sottoscritta o gli altri fondatori di Fratelli d'Italia, per essere coerente con le proprie battaglie non ha esitato a mettere in gioco tutto, compresa la propria eventuale rielezione''. ''Gia' diversi anni fa - conclude il deputato ex Pdl - ho fatto una scelta da cui non intendo tornare indietro: quella di partecipare alla costruzione di un grande partito di centrodestra. Nel quale poter far convivere con dignita' e fierezza anche le ragioni della destra italiana. La legalita', il radicamento, il merito. Ora, anche per difendere quelle ragioni e' nato Fratelli d'Italia. Intendo rivendicarlo. Voglio rivendicare che c'e' un movimento di centrodestra che nella composizione delle liste ha privilegiato il merito, che non bada all'aspetto fisico dei candidati, e che non ha avuto bisogno di guardare i sondaggi per stabilire se una persona con un mandato d'arresto per attivita' camorristica dovesse stare nelle sue liste''. com-gar/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa