giovedì 08 dicembre | 06:03
pubblicato il 28/mag/2013 12:00

Elezioni/ L'astensionismo fa paura ma il Pd sollevato dal voto

Avanti in tutti i ballottaggi i candidati del centrosinistra

Elezioni/ L'astensionismo fa paura ma il Pd sollevato dal voto

Roma, 28 mag. (askanews) - E' andato a votare per le amministrative circa il 62% dell'elettorato - un dato che fa paura, soprattutto affiancato a quello di Roma dove un cittadino su due non è andato alle urne. Disaffezione per la politica, disamore per chi la fa. Eppure le urne della capitale e degli altri 15 comuni capoluoghi al voto fanno tirare un sospiro di sollievo al PD, avanti in tutte le sfide. Il partito 'ha tenuto', nonostante il governo delle larghe intese. E si torna al bipolarismo con il flop generalizzato del MoVimento 5 Stelle che non arriva a nessun ballottaggio. "Il Pd va avanti malgrado si sia assunto una responsabilità difficile a livello di governo nazionale" ha commentato il segretario del partito Guglielmo Epifani. I candidati del centrosinistra sono avanti a Viterbo, a Vicenza, a Imola, e anche a Siena dove nonostante lo scandalo MPS Bruno Valentini ottiene il 41,3%. Al ballottaggio in pole anche i candidati PD a Treviso, Lodi, Imperia e Barletta dove ha il 42,5% l'ex portavoce del presidente Napolitano, Pasquale Cascella. Ad Ancona ballottaggio con la candidata Pd avanti, mentre sono già sindaci al primo turno i PD Alessandro Volpi a Massa, Marco Filippeschi a Pisa, Alcide Molteni a Sondrio in LOmbardia, e a Isernia il candidato della lista civica sostenuta dal centrosinistra Luigi Brasiello. Il premier Enrico Letta tira un sospiro di sollievo, e a palazzo Chigi ieri si parlava decisamente di "soddisfazione". Nel Pd, da settimane circolava il timore che l'appoggio a Letta possa finire per far pagare un prezzo alto ad un partito già in forte crisi mentre il dato di questa tornata elettorale sembra dire il contrario. Non è un caso che Letta con i suoi si sia concentrato proprio su questo aspetto: trova conferma il governo delle larghe intese. Anche il fatto che M5S venga ridimensionato è un dato che incoraggia il governo: dimostrebbe che c'è tempo per agire e provare a riconquistare i delusi che si rifigiano nel non voto. Inoltre, secondo palazzo Chigi, il voto conferma anche il quadro bipolare e dimostra che, una volta esaurita l'esperienza di questo governo, il confronto potrà tornare ad essere tra centrodestra e centrosinistra. I risultati inoltre stemperano un po' il clima nel partito e permettono probabilmente al governo una navigazione più tranquilla per qualche settimana.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni