sabato 03 dicembre | 00:08
pubblicato il 08/mag/2012 21:00

Elezioni/ Italiafutura: Ingiusto demonizzare Grillo, va superato

La maggioranza degli italiani non ha rappresentanza

Elezioni/ Italiafutura: Ingiusto demonizzare Grillo, va superato

Roma, 8 mag. (askanews) - "L'esito delle elezioni ha rispettato in pieno i pronostici. Il centro destra, così come lo abbiamo conosciuto in questo ventennio, si avvia a scomparire. Non sono affatto scomparsi, peraltro, i suoi elettori". E' quanto si legge in un'editoriale di ItaliaFutura pubblicato oggi. "La sinistra ha trovato un nuovo punto di equilibrio, in alcuni casi molto più a sinistra, di Hollande. Il Partito democratico ha avviato un percorso per tornare ad essere il Pds, magari prima o poi rifondendosi con Sinistra ecologia e libertà, e abbandonando definitivamente vocazioni maggioritarie e riformismi liberali. Il Terzo Polo, al quale va riconosciuta coerenza e serietà nel sostegno al governo, non riesce a trovare una compiuta morfologia che vada oltre la somma di parti ormai stanche - scrive la fondazione guidata da Luca di Montezemolo -. La legittima e motivata protesta contro questa politica (e non contro la politica in generale) trova una collocazione più strutturale nel Movimento Cinque Stelle, nonostante le scomuniche istituzionali. Il clima in Italia e in Europa è tale che Grillo e il grillismo rappresentano la faccia pulita e spesso ingenua di una protesta e di un populismo che altrove, nel continente, assume connotati ben più preoccupanti. Demonizzare Grillo è ingiusto e sbagliato, superarlo è urgente e fondamentale". "Come Italia Futura ha scritto più di un mese fa manca un progetto per il Paese che argini il gigantesco disagio sociale e che sia convincente per quella parte maggioritaria dell'elettorato che ritiene che le risposte alla crisi non siano nelle patrimoniali, nel rinnovato interventismo dello Stato e nella mera difesa dell'esistente. Liberali, democratici, popolari, moderati, riformisti: comunque si vogliano etichettare imilioni di cittadini che credono alle potenzialità di una nazione liberata dalle oligarchie, e dal peso insostenibile di uno Stato debole ma pervasivo, essi sono oggi privi di una credibile rappresentanza politica - si legge ancora nell'editoriale -. Non sarà attraverso gli strumenti del marketing politico, e dunque i cambiamenti di nome o l'inclusione di qualche personalità pescata dalla società civile o dal governo, che si darà credibilità e sostanza a un'alternativa liberale e democratica che sia in grado di aprire una nuova pagina del rapporto tra Stato e cittadini". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari