martedì 17 gennaio | 06:50
pubblicato il 16/feb/2013 11:40

Elezioni: Ingroia, se io premier piu' trasparenza sullo Ior

Elezioni: Ingroia, se io premier piu' trasparenza sullo Ior

+++Casta subordinata a finanza. Di politici con schiena dritta ce ne sono pochi+++.

(ASCA) - Roma, 16 feb - ''Lo Ior opera poco in Italia e moltissimo sul circuito internazionale, ma immettere all'estero persino i soldi dell'8 per mille lo trovo inaccettabile. Da un ente ecclesiastico si deve pretendere un approccio piu' etico. Se io fossi premier investirei molta piu' energia per rendere trasparente la finanza vaticana rispetto a quella usata da Monti, che e' subordinato. Per non parlare di Berlusconi''.

Lo dichiara Antonio Ingroia, leader di Rivoluzione civile, intervistato dal Fatto Quotidiano, che agiunge: ''La Casta ha sempre lo stesso atteggiamento verso i poteri forti, e il Vaticano e' un potere fortissimo. Di politici con la schiena dritta ce ne sono pochi: c'e' bisogno di un'iniezione di coraggio, e i pm possono aiutare. Da anni - continua Ingroia- nella finanza Vaticana e nello Ior in particolare, c'e' un problema di trasparenza. La destinazione all'estero potrebbe essere utilizzata per monetizzare fondi di provenienza sospetta, per usare un termine soft. Non sappiamo se queste somme sono mischiate a soldi 'sporchi', non c'e' nessuna effettiva tracciabilita'''. ''Gotti Tedeschi -prosegue Ingroia- disse di essere stato sfiduciato proprio per aver difeso la legge anti-riciclaggio.

E' necessario imporre la tracciabilita' e la dichiarazione di provenienza di ogni flusso finanziario che passi dallo Ior. O sterziamo seriamente, riscrivendo tutta la legislazione sulla pubblica amministrazione e promuovendo un testo unico anti-riciclaggio che sia efficiente, o l'Italia verra' definitivamente divorata da Tangentopoli, che non e' mai finita. Anzi, si e' estesa a dismisura: vent'anni di berlusconismo hanno reso lecito l'illecito. Si sono create sacche sempre piu' ampie di impunita' e corruzione, che ormai e' sistemica. Noi abbiamo una 'proposta choc', che in un Paese normale sarebbe invece ordinaria: estendere ai corrotti e ai grandi evasori fiscali la normativa che si applica ai mafiosi. Tra corruzione, evasione e sistemi mafiosi perdiamo ogni anno circa 400 miliardi di euro, pari a un quinto del debito pubblico italiano. Non si combatte l'illegalita' solo per senso di giustizia, ma come motore di sviluppo.

Altrimenti -conclude Ingroia- sara' default''.

com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello