lunedì 23 gennaio | 01:36
pubblicato il 19/gen/2013 13:39

Elezioni: Ingroia chiude al Pd. Bersani, cosi' non favorisce il cambiamento

Elezioni: Ingroia chiude al Pd. Bersani, cosi' non favorisce il cambiamento

(ASCA) - Roma, 19 gen - ''La pazienza e' finita: quella porta che avevo lasciata aperta disposto al dialogo -perche' io sono un uomo del dialogo e paziente- con oggi si chiude''. Cosi' l'ex pm Antonio Ingroia in una conferenza stampa, stamane a Roma per presentare i candidati di Rivoluzione Civile, ha dichiarato chiuso il dialogo con il Pd e con il segretario Bersani. Nessuna desistenza e' possibile, ha detto, ''nessun accordo sottobanco come quelli che hanno ucciso la prima e la seconda Repubblica''. ''Io -ha aggiunto Ingroia- appena tornato dal Guatemala ho rivolto un appello al Pd e a Bersani per incontrarci, per vedere se potevamo collaborare, avremmo potuto valutare la cosa. Abbiamo ricevuto proposte dietro le quinte da intermediari pur autorevoli, ma non possiamo accettare accordi: Monti e' stato in continuita' con Berlusconi e non possiamo dimenticare che il Pd ha appoggiato Monti con i suoi provvedimenti che hanno colpito la gente''. Immediata la replica, seppure a distanza, di Pier Luigi Bersani: ''Posizioni di radicalizzazione e di riduzione del tema della legalita' su posizioni faziose, non rappresentano il modo di favorire il cambiamento'', commenta il segretario del Pd. Per Bersani, le prossime elezioni rappresentano ''un appuntamento storico'', perche' ''c'e' in Italia e in Lombardia la possibilita' di portare il cambiamento al governo''. Bersani, durante una conferenza stampa a Milano a sostegno della candidatura di Umberto Ambrosoli, ha anche chiarito che con Ingroia ''non c'e' mai stata nessuna ipotesi di patto di esistenza'', anche perche' ''le distanze politiche sono piuttosto nette. Noi siamo riformisti e progressisti''. Detto questo, Bersani ha sottolineato che da parte di Ingroia ''un gesto di consapevolezza della situazione in Lombardia sarebbe apprezzato. Non c'e' bisogno di patti se ciascuno si prende la propria responsabilita'''. ''Noi del Pd siamo aperti al confronto con le forze antipopuliste, progressiste e democratiche. Questa nostra posizione e' chiara da almeno due anni. Ognuno fa le sue scelte, ma non mi sembra che da parte di Monti e dei centristi ci sia ancora stato un pronunciamento chiaro. Gli altri faranno cio' che ritengono giusto'', ha aggiunto il segretario del Pd rispondendo alla domanda su una possibile alleanza con le forze politiche che sostengono Mario Monti. Per Bersani l'Italia ha diritto ad avere qualcuno che in Parlamento abbia il 51%. ''Poi quel 51% dovra' ragionare come un 49%''. Dal segretario Pd anche una riflessione sull'operato del governo dei tecnici: ''Monti ha operato dentro condizioni molto stringenti e aveva le mani legate perche' l'euro era sull'orlo del precipizio. Qualcosa di diverso si poteva comunque fare. Per esempio era possibile dare un po' piu' di stimoli per gli investimenti per il lavoro''. fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4