domenica 04 dicembre | 09:10
pubblicato il 22/feb/2013 17:06

Elezioni: Ingroia, Berlusconi ha cambiato in peggio nostro Paese

(ASCA) - L'Aquila, 22 feb - ''Silvio Berlusconi ha cambiato in peggio il nostro Paese. E' stato purtroppo un modello che ha contagiato la classe dirigente dappertutto, finendo per contagiare anche chi, in questi anni, non e' stato berlusconiano. Ormai questa classe dirigente non e' capace di autoriformarsi e di rinnovarsi''. Tracciando il profilo del suo principale avversario, Antonio Ingroia, candidato premier di ''Rivoluzione civile'', oggi all'Aquila, ha automaticamente motivato la sua scelta politica: ''Ecco perche' un magistrato decide un passo che non vorrebbe mai fare. Un magistrato come me, innamorato della propria professione, capisce che fare il magistrato non basta in questa Italia dove la politica cerca in tutti i modi di ostacolare la Magistratura, perche' ha paura di una Magistratura che presenta il conto della responsabilita', perche' questa casta pretende impunita' penale e irresponsabilita' politica, amministrativa, economico-finanziaria e cosi' via''. iso/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari