giovedì 23 febbraio | 01:50
pubblicato il 14/gen/2013 12:00

Elezioni/ Grillo mette in rete 'le perle di Favia-Laqualunque'

Cetto style per il neo candidato: "Prima vota poi dico se resto"

Elezioni/ Grillo mette in rete 'le perle di Favia-Laqualunque'

Roma, 14 gen. (askanews) - "Le perle di Favia". Beppe Grillo ha messo on line, via youtube, vecchie intervistr di Giovanni Favia, consigliere grillino da lui alontanato dall'M5S dopo il noto fuorionda estivo che denunciava la democrazia interna ed oggi candidato al Parlamento con 'Rivoluzione civiile' di Antonio Ingroia, nel quale Favie dice tutto il male possibile di Antonio Di Pietro e Idv, oggi compagni e alleati di lista e avventura politica. Il video, pubblicizzato da Grillo via Twitter, è preceduto da una presentazione in cui il candidato Favia viene presentato inun manifesto elettorale che lo ribattezza 'Favialaqualunque' e che lo vede campeggiare con i vestiti sgargianti del Cetto di Antonio Albanese, all'interno di un manifesto elettorale il cui slogan è un impegno politico chiaro: "Prima mi voti, poi ti dico se resto al mio posto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech