giovedì 08 dicembre | 15:22
pubblicato il 14/mag/2011 10:02

Elezioni/ Fli punta su carta ballottaggi. Con rischio scissione

Fini alla prima prova dopo addio Pdl. E 'testa' anche Terzo polo

Elezioni/ Fli punta su carta ballottaggi. Con rischio scissione

Roma, 14 mag. (askanews) - I ballottaggi come il secondo atto del congresso fondativo di Milano. Finì male, nel capoluogo lombardo, con pubbliche accuse e sdegnati rifiuti. Finì con l'ascesa di Italo Bocchino, l'addio di alcuni deputati 'moderati', l'implosione dei futuristi al Senato e la stagione di opposizione interna inaugurata da Adolfo Urso e Andrea Ronchi. La 'faida futurista' si è poi cristallizzata, rimandata al voto amministrativo che ora bussa alle porte dei finiani. Futuro e libertà si gioca parecchio, in questa tornata elettorale. Potrà contare i voti e sondare la tenuta del progetto, almeno nelle grandi città, visto che corre da sola a Torino, Napoli, Bologna e Milano (anche se nel capoluogo lombardo si presenta insieme all'Api). E concorrerà da sola, invece, in centri come Ravenna, Rimini, Latina, Savona, Barletta, Cagliari, Rovigo. Proprio nei quattro grandi centri eventuali ballottaggi potrebbero rappresentare insieme una buona e una cattiva notizia, per i finiani. Buona perchè i terzopolisti potrebbero risultare determinanti, costringendo gli altri due Poli ai 'supplementari'. Cattiva perché proprio sui ballottaggi potrebbe esplodere il dissenso covato dalle 'colombe'. Urso e Ronchi da tempo guardano proprio ai ballottaggi come alla tappa decisiva per rifondare un nuovo, diverso centrodestra. I falchi, invece, puntano sul secondo turno per una possibile, prima rivincita contro il Cavaliere e il Pdl. Pronti a tutto per batterlo, spingono per sostenere in alcune realtà il candidato alternativo al centrodestra. Forse solo la libertà di coscienza potrà evitare un'ulteriore strappo all'interno del neonato partito finiano. E poi c'è Fini. Il presidente della Camera ha iniziato in sordina, cauto, la campagna elettorale. Salvo accelerare verso la fine, scendendo in campo e viaggiando per l'Italia. Consapevole, forse, dei rischi e delle potenzialità di una tornata in cui lancia un nuovo partito, un nuovo simbolo e una nuova classe dirigente. E consapevole, anche, del rischio che la zattera Terzo Polo - salvifica dopo la sconfitta dello scorso 14 dicembre - possa perdere la rotta in visto degli utlimi due anni di legislatura.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Governo
Renzi: ok nuovo governo ma appoggiato da tutti, non temiamo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni