martedì 17 gennaio | 12:50
pubblicato il 22/feb/2013 12:22

Elezioni: Finocchiaro (Pd), no a larghe intese. Vendola non si tocca

Elezioni: Finocchiaro (Pd), no a larghe intese. Vendola non si tocca

(ASCA) - Roma, 22 feb - ''La grande coalizione e' fuori dal nostro orizzonte. Abbiamo partecipato alla 'strana maggioranza' del governo Monti, ma gia' da allora sostenevamo che il Paese dovesse avere un governo politico. Noi pensiamo di vincere sia alla Camera sia al Senato, perche' solo questo puo' permettere di avere un governo in grado di portare l'Italia fuori dalla crisi. Abbiamo poi parole d'ordine, penso all'equita', che non appartengono al centrodestra''. Lo dice Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del Pd e candidata capolista in Puglia in una intervista alla ''Gazzetta del Mezzogiorno''. ''Certo - prosegue - abbiamo la consapevolezza, come forza responsabilita', che le grandi riforme necessitano di un consenso piu' ampio. E' questa la logica con cui guardiamo al possibile apporto dei moderati, sia quelli che staranno in Parlamento sia a quelli che staranno nel paese. Ma ribadisco che noi abbiamo fatto un'alleanza chiara con Vendola che non e' in discussione e penso che le cancellerie siano preoccupate solo che ritorni Berlusconi''. L'esponente del Pd poi passa a un giudizio su Monti e Grillo: ''Monti mi pare un po' scomposto negli ultimi giorni, Mi sembra che abbia avuto due-tre uscite non proprio felici. Un po' scomposto perche' si rende conto che il compito e' difficile e i risultati annunciati non sono forse quelli che si attendevano''.

Su Grillo e su possibili collaborazioni con il suo movimento la senatrice del Pd precisa: ''Si potra' farlo su questioni concrete. Non penso proprio che nessuna delle dichiarazioni di dirigenti del Pd alludano a possibili alleanze con Grillo. Sulle singole questione potra' accadere, ma non penso a nulla di piu', perche' non mi sembra che il messaggio che Grillo sta mandando al Paese sia rassicurante.

Il voto al Pd e' un voto responsabile per dare un governo coeso al Paese. Poi, invito a riflettere sul dato oggettivo che nessuno conosce i candidati di Grillo. Non e' strano per un movimento che diceva di volere rilanciare la politica e la partecipazione democratica? Non sappiamo niente di loro''.

com-gar/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Auto, nel 2016 vendite in Europa +6,5% oltre i 15 milioni
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Spazio, è morto Eugene Cernan: ultimo uomo a camminare sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate