domenica 04 dicembre | 21:44
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Elezioni/ Fini: Berlusconi sa già che ha perso

"Non ci sono le condizioni perché vinca, mercati traquillizzati"

Milano, 9 dic. (askanews) - "Berlusconi dice di essere sceso in campo per vincere, e questo è comprensibile. In realtà sa che ha già perso. E credo che sia l'elemento che nonostante tutto traquillizzerà il mercato". Lo ha detto il presidente della Camera Gianfranco Fini, intervistato da Fabio Fazio a "Che tempo che fa". "Il vero problema - ha aggiunto Fini - è che parla di politica a Milanello. Il Pdl non è il milan. La politica non è un fatto suo privato". Riguardo la reazione dei mercati all'annuncio di dimissioni da parte di Mario Monti, "C'è grande attesa e grande preoccupazione per domani". Ma, ha detto, "Non ci sono le condizionoi perché Berlusconi rivinca le elezioni". Per l'ex leader di An, dire che "il governo Monti è un fallimento in termini economici non sta in piedi", perché "il Pdl ha sempre votato i suoi provvedimenti. Per un anno intero. Poi di punto in bianco dicono che il governo è fallimentare e che staccano la spina".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari