martedì 17 gennaio | 08:55
pubblicato il 26/feb/2013 19:28

Elezioni: Enrico (Fare), siamo pronti a prossime sfide

Elezioni: Enrico (Fare), siamo pronti a prossime sfide

(ASCA) - Roma, 26 feb - ''Per Fare adesso e' il momento di pensare al domani. Queste elezioni non sono un punto di arrivo, sono il nostro punto di partenza. Fino a ieri non c'eravamo: oggi esistiamo. La nostra e' stata una corsa meravigliosa: ci siamo impegnati fino in fondo, abbiamo sacrificato il nostro tempo, le nostre energie, la nostra vita personale per dare vita a un sogno. Lo abbiamo detto fin dall'inizio: noi siamo qui per restare. Adesso dobbiamo costruire la nostra casa, con quei princi'pi di merito, democrazia e trasparenza che sono la nostra bandiera e che abbiamo dimostrato di saper e voler applicare anzitutto a noi stessi. Il nostro impegno continua, a partire dalle prossime elezioni locali ed europee. Non sappiamo quanto potra' durare questa legislatura, ma sappiamo che, quando sara' il momento, noi saremo pronti''. Lo dichiara in una nota Silvia Enrico, coordinatrice nazionale Fare per fermare il declino.

''Il paese ha di fronte mesi difficili. Il voto degli italiani, che e' stato nel senso della massima polarizzazione, ha paradossalmente prodotto un Parlamento massimamente ingovernabile. Questo risultato e' frutto del porcellum: una legge maledetta che noi stessi abbiamo fortemente criticato, e che e' ingiusta - come abbiamo imparato sulla nostra pelle - fin dalla fase della composizione delle liste e della raccolta delle firme. Le maggiori forze politiche devono oggi avere, se non la responsabilita', almeno la dignita' di riscrivere rapidamente la legge elettorale. Non guardando al loro presunto interesse di breve termine, ma interrogandosi su quale sia la ''formula'' migliore per l'Italia - prosegue Enrico -. Il nuovo governo di grande coalizione dovra' pure porsi un altro problema: come gestire la nave italiana nella tempesta di sfiducia che gia' oggi si e' abbattuta su di noi. Per quel che ci riguarda, riproponiamo la soluzione che gia' avevamo avanzato in campagna elettorale: chiedere l'attivazione dello scudo antispread. Dobbiamo chiederlo prima di averne urgentemente bisogno, prima che sia troppo tardi.

Alle prossime elezioni ci saremo: e ci saremo con la certezza di aver fatto ordine in casa nostra e di aver convogliato l'entusiasmo di decine di migliaia di persone in un progetto capace di intercettare una fetta importante dell'elettorato''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello