domenica 04 dicembre | 05:39
pubblicato il 24/gen/2013 08:33

Elezioni: economia ed esodati, scricchiola il patto Bersani-Monti

Elezioni: economia ed esodati, scricchiola il patto Bersani-Monti

+++ Il premier dimissionario: ''Italia molto diversa da un anno fa''. Il leader del Pd: ''I tecnici non affrontano la questione sociale'' +++. (ASCA) - Roma, 24 gen - La campagna elettorale sembra incrinare inevitabilmente quel ''patto di belligeranza'' siglato appena una settimana fa tra Mario Monti e Pier Luigi Bersani. Su economia e prospettive della crisi i due leader polemizzano a distanza senza esclusione di colpi.

Mario Monti interviene al Forum economico internazionale di Davos in Svizzera. Parla del suo governo ricordando di aver portato l'Italia fuori da un aggravamento della crisi economica e di credibilita'. Poi spiega perche' ha deciso di salire in politica: ''La mia agenda e' ambiziosa. Tutti abbiamo una responsabilita' sociale e io ho deciso di presentarmi alle elezioni perche' lo devo agli italiani e in particolare a quelli piu' fragili, quelli che hanno pagato il prezzo piu' alto e intollerabile della disoccupazione.

Cittadini che sono vittime di governi che spesso non sono stati abbastanza forti contro l'evasione fiscale, la corruzione, gli interessi particolari, le manipolazioni del mercato finanziario''.

Il premier dimissionario attacca i partiti politici tradizionali: ''I cittadini sono stati spesso vittime di politici che si sono impegnati in promesse elettorali senza considerare se fossero o meno realizzabili e cosi' facendo hanno spesso aggravato la crisi. Troppo concentrati sulle elezioni nazionali non hanno considerato l'urgenza delle riforme e hanno al contrario nazionalismo e populismo''.

Monti conferma il suo ottimismo per le prospettive dell'economia: ''Nonostante il Fondo monetario sul 2012 consegni un dato ancora negativo, viene dimostrato che l'azione del governo per il consolidamento dell'economia italiana sta proseguendo e i dati del Pil nel terzo trimestre 2012 sono stati migliori delle attese, come ha sottolineato lo stesso Fmi''. Da qui un impegno: ''Tutto questo non ci consola, ma ci spinge con maggiore forza a concentrarci subito, sia a livello nazionale che europeo, sulla ripresa economica e sull' occupazione; tenendo ben conto che le riforme attuate necessitano di tempo per mostrare i loro effetti positivi. La riduzione del debito non si puo' piu' fare attraverso le tasse''.

Per Monti, ''L'Italia e' un paese molto diverso da un anno fa''. Seguono parole di elogio sull'operato di Mario Draghi alla guida della Banca centrale europea. Il leader di Scelta civica ricorda che senza gli sforzi di risanamento fatti dall'Italia sarebbe stato piu' difficile per la stessa Bce lanciare i programmi per il salvataggio dell'euro. Conclude il premier dimissionario: ''Oggi l'atmosfera verso l'Italia e' cambiata e non ho solo sentito la vostra gentilezza, ma anche rispetto e fiducia nella stabilita'.

Vedo concreto interesse per investimenti nel mio paese''.

La replica di Bersani arriva da una manifestazione elettorale del Pd ad Albano, nei pressi di Roma: ''Non accetto di farmi fare le pulci da chi ha provocato problemi come quello degli esodati. Finche' il Pd era al governo, andava tutto bene.

Adesso invece pare sia tutto sbagliato. Chiedo rispetto e riconoscimento, perche' abbiamo votato anche cose che non ci sono piaciute. Se nell'Agenda Monti fosse comparsa la parola esodati, sarei stato piu' contento''. Il segretario del Pd aggiunge: ''Non credo che ne' dal miliardario ne' dai tecnici ci possa essere orecchio alla grande questione sociale che e' in atto. Non c'e' piu' tempo, c'e' troppa gente che ha bisogno e bisogna prendere in mano la questione''. Per Bersani, solo un grande partito popolare radicato nel territorio come il Pd puo' avviare una nuova politica non seminando promesse ma dicendo la verita' sullo stato delle cose: ''Io non prometto miracoli ma bisogna ripartire dalla questione sociale. La destra, ma anche il governo tecnico, hanno abbandonato questo tema. Invece io, se vinceremo le elezioni, chiamero' nella sala verde non solo Confindustria e sindacati, ma anche le associazioni di volontariato. Siamo sotto la soglia della risposta per alcuni bisogni fondamentali, come ad esempio sui disabili''.

''Noi non abbiamo posizioni ambigue. Anche sull'Europa chiedo ai centristi: dove si siedono? Perche' tendono a sedersi dove e' seduto anche Berlusconi'', chiede il segretario democratico a Monti. Altra domanda rivolta al premier dimissionario sul problema della rappresentanza di genere: ''Noi siamo stati coerenti, avevamo detto primarie e in modo aperto abbiamo scelto sia il candidato premier sia i parlamentari. Ma la memoria e' corta e chiedo agli altri che cosa hanno fatto. Vuoi dirmi, presidente Monti, quante donne hai tu in lista? Noi piu' del 40%''.

gar/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari