martedì 21 febbraio | 15:28
pubblicato il 19/mag/2012 10:14

##Elezioni/ Domani e lunedì i ballottaggi in 118 comuni

19 i capoluoghi chiamati alle urne, di cui 3 sono in Sicilia

##Elezioni/ Domani e lunedì i ballottaggi in 118 comuni

Roma, 19 mag. (askanews) - Sono oltre 4 milioni gli elettori italiani chiamati domani e lunedì alle urne per i ballottaggi in 118 comuni italiani. Nelle Regioni a Statuto ordinario 98 di questi sono oltre i 15 mila abitanti mentre 2 sono inferiori, nononostante il tetto per i ballattoggi. Glòi altri 18 si trovano in Sicilia). I Capoluoghi di Provincia al voto sono in tutto 19: Alessandria, Asti, Cuneo, Como, Monza, Belluno, Genova, Parma, Piacenza, Lucca, Frosinone, Rieti, L'Aquila, Isernia, Taranto, Trani, Palermo, Agrigento, Trapani. Nei capoluoghi, il Pdl è al ballottaggio in 8, mentre il Pd è arrivato al secondo turno in 17, partendo in vantaggio rispetto ai 'rivali' di centrodestra in 13. Nei 100 ballottaggi previsti nelle regioni a statuto ordinario, il centrosinistra è avanti in 82 Comuni. Bassisimo il ricorso, tra i partiti, alla possibilità di dar vita ad apparentamenti di lista, ovvero il meccanismo elettorale che consente ai candidati sindaci di dichiarare il collegamento con altre liste rispetto a quelle del primo turno (liste che, in caso di vittoria, godrebbero del premio di maggioranza). La Lega, infatti, non ha annunciato alcun appoggio ufficiale ai candidati del Pdl in corsa nel nord, mentre il 'grande corteggiato' dal centrosinistra, Beppe Grillo, ha annunciato chiaro e tondo che le sue liste, i suoi candidati e, conseguentemente, i suoi elettori non appoggeranno nessuno. Nei capoluoghi, gli unici apparentamenti di lista sono stati ad Asti, dove l'Udc si è unito al Pd e a L'Aquila, dove l'Idv ha dato il suo appoggio al sindaco uscente del Pd Massimo Cialente. Per il ballottaggio, il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato sindaco prescelto. Ni comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti i cittadini riceveranno una scheda azzurra che reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, al cui fianco è riportato il contrassegno delle liste con cui il candidato è collegato. L'elettore può votare per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno; per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo nominativo e anche sia per il candidato a sindaco che per la lista collegata, tracciando un sui relativi contrassegni. In ogni caso, il voto si intenderà attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata. L'elettore può inoltre esprimere un voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale compreso nella lista collegata al candidato alla carica di sindaco prescelto, scrivendone solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e il nome e, ove occorra, data e luogo di nascita, nella apposita riga stampata sotto il medesimo contrassegno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia