sabato 03 dicembre | 13:14
pubblicato il 18/feb/2013 16:59

Elezioni: Di Pietro, legge Rognoni-La Torre anche per fatti corruzione

(ASCA) - L'Aquila, 18 feb - Per Antonio Di Pietro, ''la mafia si puo' combattere con una proposta concreta che Rivoluzione civile ha fatto e sulla quale, paradossalmente, nessun altro partito o formazione politica ha interesse a confrontarsi: applicare la legge Rognoni-La Torre non solo ai fatti di mafia ma anche ai fatti di corruzione''. ''Il che significa - ha spiegato meglio il leader dell'Italia dei Valori, oggi all'Aquila - procedere al sequestro e anche alla confisca di tutti i beni o denaro su cui, chi e' sottoposto a un'indagine penale e nei cui confronti c'e' un serio indizio o prova, non si sa dare giustificazione sulla provenienza''. Di Pietro si e' detto convinto che ''questo servira' a stabilire i collegamenti che la mafia ha con le realta' locali e con le imprese e gli imprenditori''. Il riferimento anche agli affari della ricostruzione post terremoto, all'Aquila. iso

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari