lunedì 27 febbraio | 01:15
pubblicato il 07/feb/2013 13:21

Elezioni: Di Pietro, cultura italiana colpita a morte da Monti

Elezioni: Di Pietro, cultura italiana colpita a morte da Monti

(ASCA) - Roma, 7 feb - ''La cultura italiana viene colpita a morte dalle politiche del rigore di Monti. Dopo aver umiliato la scuola, la sanita' e i diritti dei lavoratori, la scure del governo si e' abbattuta anche sul Fondo Unico per lo Spettacolo, che era gia' ridotto all'osso e che oggi viene tagliato ulteriormente. E' vergognoso dover assistere al saccheggio di un bene comune come la cultura che dovrebbe essere il fiore all'occhiello del nostro Paese e il motore su cui investire per il rilancio e lo sviluppo dell'economia. E' inaccettabile che si utilizzino il welfare, la scuola pubblica, la sanita' e la cultura come bancomat, mentre si lasciano impuniti evasori, corruttori e amici delle banche''.

Lo scrive sulla sua pagina Facebook il presidente dell'Italia dei Valori e candidato di Rivoluzione civile, Antonio Di Pietro.

com-ceg/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech