lunedì 16 gennaio | 20:55
pubblicato il 21/gen/2013 20:59

Elezioni: Cosentino fuori, giallo su liste Campania. Pdl, tutto regolare

Elezioni: Cosentino fuori, giallo su liste Campania. Pdl, tutto regolare

(ASCA) - Roma, 21 gen - Nicola Cosentino non sara' candidato in Parlamento nelle liste del Pdl. E' il responso di una trattativa portata avanti a oltranza tra lo stesso ex sottosegretario e i vertici del partito. Dopo la riunione della scorsa notte a palazzo Grazioli sembrava che Cosentino ce l'avesse fatta ad avere il via libera, ma in mattinata tutto e' cambiato e nel pomeriggio sono iniziate a trapelare le prime indiscrezioni, che davano l'esponente del Pdl campano, indagato in concorso esterno in associazione camorristica, per escluso. Alla fine, nel lungo e travagliato braccio di ferro, sembra aver avuto la meglio Angelino Alfano. Non ricandidare Cosentino - spiega il segretario del Pdl - e' stata ''una scelta giusta fondata sulla inopportunita' da noi considerata grave. Questo non significa che abbiamo abbandonato la nostra fede nel principio di non colpevolezza fino a giudizio definitivo o la nostra idea che lui sia innocente''. Fuori dalle liste, tra gli altri, anche se per motivi diversi (''scelta personale'' e ritiro preventivo), Claudio Scajola, Marcello Dell'Utri e Marco Milanese, in passato consulente dell'ex ministro Giulio Tremonti, coinvolto in alcune inchieste giudiziarie.

La reazione di Cosentino - secondo quanto riferito da alcune fonti - sarebbe stata quella di sottrarre le liste con gli atti di accettazione delle candidature per il Senato e per le circoscrizioni Campania 1 e 2 alla Camera. Si e' aperto cosi' un giallo sulle liste campane. Immediata, nel pomeriggio, e' la smentita del partito. ''Tutta la documentazione e' nelle mani del commissario regionale della Campania, senatore Francesco Nitto Palma, che sta provvedendo al deposito.

Operazioni di deposito dei documenti che stanno avvenendo regolarmente in tutta Italia'', spiega una nota.

Sempre nel pomeriggio l'ufficio stampa del Pdl ha comunicato le liste depositate. Berlusconi e' confermato capolista al Senato in tutte le circoscrizioni. In Liguria, al secondo posto, c'e' l'ex direttore del Tg1, Augusto Minzolini, mentre in Sicilia il presidente del Senato, Renato Schifani. Domenico Scilipoti, leader dei Responsabili, annuncia che non si presentera' con una sua lista ma con il Pdl, ed e' sesto in Calabria per il Senato. Candidato, quarto in Senato in Abruzzo, anche l'ex Idv Antonio Razzi, che salvo' il governo Berlusconi nel dicembre del 2010. Candidato come numero 2 al Senato nella regione Friuli Venezia Giulia e' Bernabo' Bocca, presidente della Ferderalberghi.

Alla Camera, Alfano e' capolista in quattro circoscrizioni. Tra le varie novita', in Calabria, al numero 2 e' candidata Rosanna Scopelliti, figlia 29enne del magistrato Antonio, assassinato dalla criminalita' organizzata nel 1991. Renata Polverini, invece, e' candidata alla Camera al terzo posto nella circoscrizione Lazio 1.

ceg/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello