domenica 04 dicembre | 07:12
pubblicato il 24/gen/2013 13:40

Elezioni: Bersani, la nostra coalizione lavora per la vittoria

Elezioni: Bersani, la nostra coalizione lavora per la vittoria

+++Conferenza stampa insieme a Vendola e Tabacci+++. (ASCA) - Roma, 24 gen - ''Siamo qui per raffigurare la nostra coalizione che e' formata da Pd, Sel, Centro Democratico, Psi e Moderati di Portas. Noi lavoriamo per la vittoria e non nasciamo oggi perche' abbiamo partecipato a grandi fatti di popolo come le primarie. La nostra coalizione e' formata da forze di governo e gia' tra noi governiamo insieme in molte realta'. Le forze che sono qui vogliono interpretare al meglio le politiche di cambiamento dal governo. Noi vogliamo impostare insieme una politica che riprenda un rapporto di sentimento con il popolo italiano.

Siamo in condizioni di garantire la governabilita'''. Lo ha detto Pierluigi Bersani, segretario del Pd, nella conferenza stampa che ha tenuto insieme agli altri leader del centrosinistra.

''Noi abbiamo un programma - ha aggiunto Bersani - che abbiamo sottoscritto nel documento 'Italia bene comune'. In quel testo si prevedono anche cessioni di sovranita' da parte dei sottoscrittori: vuol dire che le decisioni le prenderemo insieme. Noi offriamo una proposta di governo e oggi siamo qui insieme io, Bruno Tabacci e Nichi Vendola. Monti faccia una foto con Casini e Fini, Ingroia la faccia con Di Pietro e Ferrero. Berlusconi la faccia con Storace e Maroni. Voglio dire: vengano fuori le coalizioni''. Il leader di Sel, Vendola, rileva ''con quanta pignoleria vengo sottoposto al test di affidabilita' di governo. Io dico che noi di Sel saremo fattore di stabilita'.

Io governo in Puglia da molti anni e mi sembra di aver dato prova di buona governabilita'. La politica pero' si fa anche dicendo quali sono i propri obiettivi. Nella prossima stagione occorre un riformismo forte per aggredire la crisi politica ed economica. Sulla giustizia sociale noi saremo fattore di stabilita'''. ''Nessuno di noi del centrosinistra - aggiunge Vendola - rinuncera' pero' alle proprie differenze culturali perche' le riteniamo una ricchezza. Metteremo in campo ascolto e mediazione per fare una buona politica della crescita ecocompatibile. Nella prossima legislatura metteremo al centro il lavoro, il lavoro che non c'e'''. Bruno Tabacci sottoliena che ''Noi del Centro Democratico siamo vincolati con Pd e Sel da un patto di governo. Ci candidiamo a governare l'Italia insieme. Le primarie, grazie anche al coraggio con cui le ha volute Bersani, hanno fatto riguadagnare terreno al rapporto tra noi e l'opinione pubblica. Mentre noi scommettiamo sul governo Monti e Casini scommettono sullo stallo della situazione politica, cioe' sulla nostra non vittoria. Io sono rassicurato dal patto sottoscritto con Pd e Sel. Vogliamo difendere i piu' deboli, obiettivo poco presente nell'agenda Monti, poi dopo le elezioni dobbiamo aprirci ad altri contributi perche' noi vogliamo unire, non dividere''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari