martedì 24 gennaio | 04:35
pubblicato il 27/feb/2013 08:30

Elezioni: Bersani dice no al Pdl e apre al M5S, mugugni nel Pd

Elezioni: Bersani dice no al Pdl e apre al M5S, mugugni nel Pd

(ASCA) - Roma, 27 feb - Mentre nella puntata di ''Ballaro''' di ieri sera su Raitre Alessandra Moretti, neodeputato del Pd, duellava dialetticamente con Angelino Alfano, segretario del Pdl, difendendo la linea illustrata nella conferenza stampa del pomeriggio dal segretario Pier Luigi Bersani, era in corso la riunione del Coordinamento del Pd per valutare l'esito del voto. Secondo le indiscrezioni, le obiezioni mosse alla linea tracciata dal segretario sarebbero state piu' di una. Non tutti condividerebbero l'apertura di dialogo con il Movimento 5 Stelle (M5S), il no a governissimi con Pdl e lista Monti, l'ipotesi di accettare un eventuale incarico del presidente Giorgio Napolitano presentandosi alle Camere con un programma minimo chiedendo il voto di fiducia. Beppe Fioroni, che gia' ieri mattina nel Transatlantico di Montecitorio ribadiva tutti i suoi dubbi sulla linea tenuta dal Pd nelle elezioni (avrebbe preferito l'alleanza con la lista Monti rispetto a quella con Sel), pur confermando i suoi distinguo preferiva sottolineare che ''sarebbe un errore una resa dei conti ora perche' dobbiamo pensare a dare un governo al paese''. Obiezioni alla linea del segretario illustrata nella sua conferenza stampa di ieri pomeriggio sarebbero venute nella riunione del Coordinamento sia da Massimo D'Alema, sia da Walter Veltroni. L'ex segretario del Pd riterrebbe impraticabile il dialogo con i grillini ma sarebbe contrario anche al governissimo con Pdl e Scelta civica: da qui l'ipotesi di affidarsi alla saggezza politica di Napolitano per trovare una soluzione al tema della governabilita'. Piu' o meno stessa posizione quella di D'Alema. Il ritorno alle urne in tempi brevi viene considerato inoltre inevitabile. Altri interventi avrebbero contestato l'idea di sfidare l' ingovernabilita' accettando l'eventuale incarico esplorativo a Bersani che potrebbe accettarlo in virtu' del fatto che la coalizione di centrosinistra e' prima alla Camera e al Senato. Qualche mugugno pure nei confronti dell'analisi del risultato elettorale del Pd offerta dal segretario nel corso della sua conferenza stampa, nella quale ha parlato soprattutto dei colpi della crisi economica sulle fasce piu' deboli dell'elettorato e poco della crisi della politica - idea forza di Beppe Grillo - che allontana l'opinione pubblica dalle istituzioni e dai partiti. Bersani aveva parlato di un programma minimo su cui verificare le intenzioni degli altri gruppi in Parlamento: riforme istituzionali, nuova legge elettorale, interventi sulla moralita' pubblica e a favore delle fasce sociali piu' colpite dalla crisi, legge di riforma sui partiti per renderli trasparenti. E per verificare la disponibilita' dei grillini ha pure parlato di una presidenza della Camera che potrebbe andare al primo partito di quell'Assemblea che e' proprio il M5S (l' offerta non deve essere piaciuta a Dario Franceschini e Rosy Bindi che secondo molte voci si sarebbero candidati a quel ruolo prima del risultato elettorale). Ieri sera, secondo alcune ricostruzioni, il confronto nel Coordinamento piddino non ha pero' assunto toni ultimativi o da resa dei conti nei confronti di Bersani e del suo staff anche perche' in tutte le componenti del partito c'e' la convinzione che qualsiasi soluzione si trovi per la premiership, il governo non durera' a lungo. Nuove elezioni anticipate sono date per certe, pur se non nel giro di poche settimane per via del semestre bianco che accompagna l'elezione del nuovo capo dello Stato. Dalla Germania, dov'e' in visita ufficiale, il presidente Napolitano ha rilasciato ieri una prima dichiarazione: ''Non sono chiamato a commentare i risultati elettorali, sono chiamato ad attendere che ciascuna forza politica, in piena legittimita' e autonomia, faccia le sue riflessioni, che poi mi verranno prospettate in occasione delle consultazioni e solo allora trarro' le conclusioni''. ''Serve una governabilita' che faccia andare avanti l'Italia. Siamo di fronte a una responsabilita' grande ma e' prematuro fare ipotesi'', ha intanto detto ieri Mario Monti dopo l'incontro di ieri a Palazzo Chigi con i ministri dell'Economia, degli Esteri e con il governatore della Banca d'Italia che dovrebbe essere servito ad analizzare le reazioni dei mercati al risultato elettorale. In sintonia con la linea scelta da Bersani si dichiara Nichi Vendola, leader di Sel (37 deputati, 7 senatori): ''No al governissimo, sarebbe la piu' velenosa delle sciagure. Il centrosinistra ha il dovere del confronto in Parlamento con chi ha incarnato la forza di una domanda netta perfino virulenta di cambiamento'' (riferimento implicito al M5S). Si spiega meglio Vendola: ''Penso che il governissimo renderebbe precaria la sorte della democrazia italiana, non potrebbe che moltiplicare il rancore e la distanza del popolo italiano dalla politica percepita come Palazzo. Dobbiamo parlare dell'agenda dei primi 100 giorni e vedere se questa incontra la passione civile del Movimento 5 Stelle''. Potrebbe essere proprio Vendola l'ambasciatore del centrosinistra verso i grillini per verificare le loro disponibilita', non prima pero' di un incontro previsto nelle prossime ore con Bersani. gar/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4