martedì 21 febbraio | 13:28
pubblicato il 31/gen/2013 20:03

Elezioni: Bersani, con noi al governo tutte politiche tarate su lavoro

(ASCA) - Roma, 31 gen - ''Viviamo la crisi piu' grave e piu' lunga dal dopoguerra ad oggi. Il tema e' come venirne fuori: non con qualche baggianata o tirando fuori il coniglio dal cappello. Non tirero' il Pd in una campagna elettorale da cabaret o a chi la spara piu' grossa''.

Lo ha affermato il segretario del Pd Pier Luigi Bersani nel suo intervento alla manifestazione organizzata a Palermo (trasmessa in diretta da Youdem).

''Se perdiamo a questo giro -ha aggiunto- andiamo a sbattere contro un muro!''.

Bersani ha quindi ribadito come problema principale quello del lavoro e ha assicurato che se il Pd vincera' le elezioni ''tutte le politiche che saranno messe in campo saranno tarate sul lavoro''.

Ma quali sono gli interventi a cui pensa Bersani e il Pd? Pur dicendo di non potere entrare nel dettaglio dei programmi possibili, Bersani ha sottolineato che ''occorre trovare sistemi che siano in grado di produrre lavoro'' puntando in ultima analisi a ''investimenti e consumi''. In questa prospettiva il segretario democratico ha indicato l'opportunita' di deroghe ai comuni al patto di stabilita' per permettere una serie di investimenti locali, meccanismi di riuso per il territorio, crediti d'imposta alle imprese che assumonmo, riduzione di ''alcune spese militari'', ma anche interventi sul fisco per combattere l'evasione per realizzare una ''fedelta' fiscale sulla media europea''. In proposito Bersani ha detto che semplicemente si devono usare gli strumenti che usano gli alri paesi europei a partire dalla tracciablita' e dalla diminuzione della liquidita'. Chi si oppone, ha aggiunto, come Tremonti ''si nasconde dietro le vecchiette che non capirebbero. Poi gli da la card. Ma io dico riempigli la carta e sono loro a insegnare a te come si usa!''.

La spiegazione della crisi e' stata occasione per Bersani di ribadire che alla situazione attuale si e' arrivati per colpe'a di chi la crisi l'ha negata per piu' di due anni per poi, sull'orlo del baratro, firmare ''quella carta'' dell'Europa che ci ha portato al pareggio di bilancio per il 2013.

min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia