mercoledì 22 febbraio | 00:44
pubblicato il 01/feb/2013 16:07

Elezioni: Bersani a Berlusconi, basta battute da due soldi

(ASCA) - Milano, 1 feb - La stoccata principale e' per Silvio Berlusconi, colpevole di aver addossato alla Germania le responsabilita' della situazione italiana: ''Bisogna stare attenti a questa battute da due soldi''. Ma Pierluigi Bersani riserva attacchi anche ad altri principali protagonisti della campagna elettorale. ''E' una vergogna che un Paese in difficolta' sia trattato a colpi di favole'', denuncia il segretario del Pd da Milano. Il riferimento e' a Beppe Grillo.

Ma anche a Berlusconi e la Lega Nord che, evidenzia, hanno governato il Paese negli ultimi anni e percio' ''adesso non hanno il diritto di lamentarsi''. Mentre il leader del M5S lo ''indigna profondamente'' quando fa certe promesse nel suo tour elettorale: ''Sta girando le piazze della Sicilia e a gente con problemi serissimi dice che per tre anni dara' mille euro a tutti''. Nel mirino di Bersani entra anche il Carroccio con la vicenda delle quote latte: ''Bisogna che Maroni, Bossi e la Lega dicano qualcosa. Devono dare spiegazioni e chiarire perche' non hanno fatto pagare gli interessi buttando via 4 miliardi e mezzo di euro''.

C'e' poi il capitolo Expo 2015, con Bersani che, in linea con le richieste del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, auspica ''una deroga selettiva al patto di stabilita'' per gli investire nell'Esposizione. ''Tremonti - insiste il leader dei democratici - non ci ha mai creduto, Moratti e Formigoni litigavano fra loro, abbiamo rischiato una figuraccia mondiale. Ora dobbiamo ricostruire un quadro di collaborazione''. Bersani non manca di soffermarsi sull'inchiesta avviata nei confronti di diversi consiglieri lombardi del Pd, accusati di peculato per presunte irregolarita' nei rimborsi regionali. In questa vicenda, dice, occorre ''fare chiarezza'' e ''andare a fondo, a vedere bene'' perche' ''sia chiaro che nessuno puo' fare la spesa con i soldi pubblici''.

E piu' un generale ''bisogna cambiare sistema''. Infine una conferma sulla propria disponibilita' a un confronto televisivo con gli altri candidato, ma a una condizione: ''Dobbiamo esserci tutti''. Il suo e' soprattutto un messaggio per Berlusconi: ''deve mettersi in testa che non c'e' solo lui''. fcz/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia