mercoledì 18 gennaio | 07:37
pubblicato il 25/mag/2011 20:32

Elezioni/ Berlusconi: Solo un senza cervello può votare sinistra

Ministeri a Nord caso chiuso:scandalo su nulla.No a proporzionale

Elezioni/ Berlusconi: Solo un senza cervello può votare sinistra

Roma, 25 mag. (askanews) - Per votare Giuliano Pisapia o Luigi De Magistris, candidati del centrosinistra a sindaci a Milano e Napoli, bisogna essere "senza cervello". Il premier Silvio Berlusconi, ospite di Bruno Vespa a 'Porta a Porta', non ha risparmiato attacchi forti ai candidati avversari e ai loro sostenitori. "De Magistris - ha detto fra l'altro- è un demagogo, disistimato da tutti i suoi colleghi, un bell'uomo, magari piace alle donne... Pisapia non ha mai amministrato nemmeno un'edicola di giornali, avendo presentato in Parlamento leggi a tutela degli eversori, dei terroristi, per l'eutanasia. Il Comune di Milano è una grande e difficile azienda. Bisogna essere capaci di gestire, uomini, tempo, soldi. Questi sono amministratori improvvisati". Tutte ragioni, secondo Berlusconi, per cui "è difficile che vincano a meno che milanesi e napoletani non vadano a votare lasciando a casa il cervello". Ed in particolare, "Napoli è stata sfigurata dalla sinistra" per cui "non credo - ha detto - ci sia una persona con la testa sulle spalle che possa votare De Magistris. Se torna a casa e si guarda allo specchio deve dirsi 'sono un uomo o una donna senza cervello'...". Sistemati i candidati delle sinistre ai ballottaggi, Berlusconi è tornato a dirsi sicuro che "non esiste alternativa a questo governo" quale che sia l'esito finale delle amministrative nelle grandi città, se non altro perchè "la sinistra è impresentabile: un coacervo di partiti". E quindi "escludo assolutamente possa esserci un nuovo Governo". Anche perchè "io sono l'unico che può tenere insieme il centrodestra". E tutto sommato la "situazione nella maggioranza è relativamente tranquilla", compresi i rapporti Lega-Pdl sulla questione ministeri al Nord posta da Bossi con forza e opposta da Alemanno, Polverini e buona parte del partito del Premier. "Il caso dei traslochi al nord dei ministeri - ha affermato Berlusconi- è un caso che non c'è". O, meglio: "uno scandalo sul nulla". E comunque "tutto si è chiuso". Detto questo, però, dal Premier è arrivato pollice verso ad una riforma elettorale in senso proporzionale alla tedesca, ipotesi in questi giorni presa in considerazione anche da parte Carroccio fra gli obbiettivi di riforma di fine legislatura, per riallacciare un confronto anche con le opposizioni. "Per me e per il mio partito quello attuale - ha liquidato la riforma elettorale Berlusconi- è il miglior sistema per governare l'Italia, il bipolarismo è il sistema migliore al mondo, quello che c'è in tutte le grandi democrazie". E le discussioni che sono ripartire attorno alla riforma elettorale "sono tecnicismi che la gente non capisce".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa