sabato 10 dicembre | 08:39
pubblicato il 04/gen/2013 10:33

Elezioni: Beltrandi (Radicali), fiero del mio solo no in Vigilanza

Elezioni: Beltrandi (Radicali), fiero del mio solo no in Vigilanza

(ASCA) - Roma, 4 gen - ''Ieri in un clima di grande confusione, e di non rispetto dei regolamenti parlamentari piu' elementari, e' stato approvato in commissione parlamentare di Vigilanza Rai un regolamento che porta a livelli mai raggiunti prima la violazione della legge 28/2000: ora persino nella seconda fase della campagna elettorale vi e' assoluta disparita' di tempi e condizioni fra tutti i concorrenti, a dispetto della parita' assoluta prevista dalla legge. Non solo: ma per la prima volta per quanto riguarda le trasmissioni di informazione, le piu' importanti, la Vigilanza bocciando miei emendamenti, ha approvato una regolamentazione piu' blanda di quella che l'Autorita' per le Garanzie nelle Comunicazioni ha previsto per le televisioni private''. Lo dichiara in una nota Marco Beltrandi. ''Sono fiero invece - continua il deputato del Partito radicale - di aver sventato all'ultimo un tentativo di mettere un bavaglio ai candidati del governo Monti, che avrebbero dovuto intervenire solo per ragioni istituzionali e non nelle trasmissioni di par condicio, come tutti gli altri candidati, emendamento che in un primo tempo piaceva assai anche al Pd (che poi ha fortunatamente cambiato idea). Lieto anche di aver concorso a sventare il tentativo di Sergio Zavoli e del Pd di discriminare, escludendoli dalle conferenze stampa, nella fase finale della campagna elettorale, coloro che non si presentano in coalizione con altri (Idv, forse radicali, forse Lega Nord, Grillo, etc)''.

Conclude Beltrandi: ''E' e rimane comunque un testo confuso, di difficile applicazione, illegale, contro cui da solo ho votato no in Commissione. Contro questo testo, e contro tutte le violazioni di legge che si stanno compiendo e si sono gia' compiute in questa campagna elettorale, di carattere illegale e anti democratico, ricorreremo giuridicamente in ogni sede, anche nei confronti di quella Autorita' per la Garanzie nelle Comunicazioni che consente impunemente violazioni di sue stesse delibere e delle regole del gioco senza nulla fare''.

com-gar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina