lunedì 27 febbraio | 12:24
pubblicato il 08/gen/2013 10:09

Elezioni: Avvenire, preziose e indispensabili competenze delle donne

Elezioni: Avvenire, preziose e indispensabili competenze delle donne

(ASCA) - Roma, 8 gen - ''Considero preziose e persino indispensabili le competenze, le sensibilita' e la praticita' delle donne, la loro strutturale e vitale capacita' di 'essere per' (che in questo tempo troppo si nega e si capovolge...). Ovviamente non penso che basti essere donne per essere buone amministratrici della cosa pubblica. Perche' le donne, esattamente come gli uomini, hanno tutte la stessa dignita' e hanno diritto alle stesse occasioni, ma non sono tutte uguali''. Con queste parole il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, risponde a un lettore in un intervento dal titolo ''Per una politica piu' donna''. Per diverso tempo, spiega, ''ho pensato e scritto che la logica delle 'quote rosa' elettorali suggerita da alcuni per equilibrare una rappresentanza politica larghissimamente maschile fosse una logica sbagliata. Una logica inutile e forse anche ghettizzante, perche' il problema poteva essere superato di slancio grazie soprattutto alle scelte di voto delle donne (che rappresentano la maggioranza del corpo elettorale). Sono un ottimista, ma un ottimista che fa i conti con la realta'. E ho cambiato, in qualche misura, parere. Constatando, infatti, che le cose da sole non cambiavano o comunque non cambiavano abbastanza rapidamente, ho in seguito giudicato ragionevoli e appropriati i percorsi normativi che anche in Italia hanno cominciato a scardinare in alcuni settori della vita civile l'idea che i ruoli dirigenti fossero sostanzialmente incompatibili o comunque difficilmente armonizzabili, a parte poche eccezioni, con la femminilita' e con la maternita'''. Insomma, conclude il direttore, ''considero positive leggi come la 120/2011 che prevede nei consigli di amministrazione e nei collegi sindacali delle societa' quotate in mercati regolamentati (e il regolamento analogo varato per le societa' pubbliche) la presenza di almeno un terzo di membri appartenenti 'al genere meno rappresentato', cioe' appunto donne. Vorrei che fossero norme 'a dissolvenza progressiva', perche' via via non piu' necessarie grazie a piu' radicate mentalita' e a pratiche reali tese a valorizzare meriti e competenze di uomini e donne senza piu' 'svantaggiare' queste ultime. Io che nella mia carriera di cittadino-elettore ho votato spesso donne per le quale avevo grande stima, vedrei di buon occhio una legge elettorale che - almeno in una fase transitoria - ci consentisse di esprimere una sola preferenza per il nostro parlamentare, ma raddoppiabile nel caso di una scelta al maschile e di una al femminile''.

red/map

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: no polemiche, governo deve guidare l'Italia fino a elezioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech