lunedì 16 gennaio | 19:10
pubblicato il 08/feb/2013 13:50

Elezioni: appello Lega Pesca a candidati, occorre valorizzare settore

(ASCA) - Roma, 8 feb - In vista delle elezioni Lega Pesca rivolge ai candidati di tutti i partiti, liste e coalizioni politiche, un appello per impegnarsi a dare adeguata attenzione alla filiera ittica nel programma di governo, per valorizzarla non solo come settore produttivo, ma anche come risorsa ambientale, alimentare e sociale del Paese. Lo comunica Lega Pesca in una nota.

''Non si tratta di una agenda. Tantomeno di un endorsement per questo o quel partito'', precisa Ettore Iani', presidente dell'associazione, che poi aggiunge: ''E' un appello che giunge da un'associazione autonoma e gelosa della propria autonomia, che vuole continuare a confrontarsi liberamente con tutte le forze politiche, economiche e sociali, pur nella consapevolezza che la politica non e' neutrale, ne' nei confronti del settore, ne' dell'identita' cooperativa''. ''Vogliamo riaccendere il faro sui temi della pesca - continua Iani' - perche' l'esperienza ci spinge a sostenere che altrimenti si rischierebbe di restare fuori del dibattito elettorale. La crisi in atto (in 10 anni - 40% le catture, - 38% l'occupazione, - 31% la redditivita' di impresa,+240% i costi di produzione, +53 % il deficit della bilancia commerciale) rende urgente l'impegno a dare una nuova identita' alla filiera pesca e acquacoltura italiana, per inserirla a pieno titolo nella programmazione economica generale''. Tra gli obiettivi che l'associazione chiede di rispettare ai candidati, si legge nella nota, c'e' un nuovo ed efficace approccio ai problemi della pesca, basato piu' sulla condivisione che sull'imposizione, e sulla integrazione delle politiche per superare la marginalita' cui il settore e' stato relegato; centralita' alle imprese, cooperative e non, in particolare le piccole e medie imprese, con un Piano di sviluppo dell'imprenditoria ittica che dia sostegno a concentrazioni e fusioni, promuova la multifunzionalita' e l'integrazione di filiera, agevoli l'accesso al credito; la garanzia di una fiscalita' di sostegno tarata sulle peculiarita' delle imprese ittiche, traghettando l'attuale regime di imposizione fiscale verso modelli di imposizione forfettaria, come la tonnage tax, e prevedere un nuovo assetto delle previdenza basato su una riforma organica della legge 250/58 e infine assicurare una presenza piu' forte in Europa, per affermare le ragioni e le specificita' della pesca mediterranea.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello