lunedì 23 gennaio | 09:41
pubblicato il 19/mag/2011 05:10

Elezioni/ Ai ballottaggi il terzo polo non si schiera,caos in Fli

Ronchi si dimette. Fini: Chi vuole dividerci cambi suoi piani

Elezioni/ Ai ballottaggi il terzo polo non si schiera,caos in Fli

Roma, 19 mag. (askanews) - Né con Moratti né con Pisapia. Né con De Magistris né con Lettieri: il Terzo Polo non si schiera ai ballottaggi delle elezioni comunali di Milano e Napoli e lascia libertà di voto ai propri elettori. Alla fine, la linea che esce dalle riunioni dei vertici nazionali di Udc, Api e Fli con i dirigenti locali e i candidati a sindaco Manfredi Palmeri e Raimondo Pasquino non smentisce gli orientamenti già emersi nelle ore immediatamente successive al voto. Pier Ferdinando Casini, Gianfranco Fini e Francesco Rutelli lo annunciano in una conferenza stampa nel pomeriggio al fianco di Pasquino e Palmeri: "Siamo determinanti al secondo turno - spiega Pasquino - ma non siamo disposti ad alcun apparentamento né disposti a una situazione di sottogoverno. Il nostro programma sarà la stella polare e vogliamo che i candidati esprimano la loro condivisione". Palmeri gli fa eco: "Noi non chiediamo nulla per noi chiediamo tutto per Milano. Non facciamo apparentamenti con la Moratti o con Pisapia, facciamo un apparentamento con la città". Nessun esponente di Udc, Fli e Api - è dunque l'indicazione - dovrà fare campagna per gli sfidanti in campo a Milano e a Napoli ma la decisione divide. Divide soprattutto i finiani che venerdì prossimo 20 maggio sono chiamati alla resa dei conti: la scelta di non dare indicazione di voto infatti verrà sottoposta all'Assemblea nazionale che, ironia della sorte, tocca convocare proprio al suo presidente Andrea Ronchi, l'esponente di Fli che, insieme ad Adolfo Urso è intenzionato ad appoggiare i candidati del centrodestra. "La decisione presa dall'assemblea sarà vincolante per tutti", spiega Fini in conferenza stampa. Poche ore dopo trapela la notizia che Ronchi ha deciso di lasciare l'incarico di presidente dell'Assemblea. Un passo verso lo strappo con Fli. Il presidente della Camera, tuttavia, va dritto per la sua strada: "Il Terzo polo ha mosso i primi passi alle elezioni amministrative, si sta organizzando nel Parlamento e nel Paese: chiunque pensa di dividerci è meglio che cambi i suoi piani. Così come siamo stati uniti in campagna elettorale, lo saremo anche nei ballottaggi e nei mesi successivi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4