sabato 10 dicembre | 23:41
pubblicato il 30/gen/2013 17:18

Elezioni: Acoi, candidati firmino appello 'Prima la salute'

(ASCA) - Roma, 30 gen - ''Assistiamo ad una campagna elettorale in cui e' sempre piu' evidente che la salute dei cittadini e' rimasto tema marginale nel dibattito politico.

Invitiamo le forze in campo a rimetterla in evidenza nell'agenda politica italiana''. Lo afferma Luigi Presenti, presidente di ACOI, l'Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani, presentando il documento 'Prima la Salute'.

''Da professionisti del settore che in questi anni hanno assistito ad un progressivo impoverimento del sistema sanitario nazionale (i chirurghi italiani stanno lavorando al limite delle proprie possibilita', in un contesto molto difficile che peggiora di anno in anno) non possiamo rimanere silenti davanti alla cancellazione di un tema prioritario per i cittadini - sottolinea l'ACOI -. E' solo grazie ai sacrifici e agli sforzi del personale sanitario che si riesce a rimediare in parte alle gravi carenze della sanita' pubblica italiana, ma e' chiaro che questi sforzi non possono supplire alla mancanza di fondi e strutture adeguate. Sino al 2002 la sanita' italiana era al secondo posto nel mondo per capacita' e qualita' dell'assistenza, oggi siamo scivolati all'undicesimo posto. Dobbiamo riportare il livello della sanita' italiana all'eccellenza mondiale. Siamo tutti consapevoli che la sanita' debba partecipare al risanamento finanziario del Paese, ma i tagli indiscriminati assunti a sistema, dettati da un orientamento economicistico della gestione della salute privo di visione strategica, rendono il nostro operare quotidiano sempre meno efficace: le riduzioni di spesa incidono, in un sistema di costi fissi, sugli aspetti piu' qualificanti delle prestazioni sanitarie - prosegue l'Associazione -. I tagli non possono, e non devono, incidere su qualita' delle prestazione e sulla sicurezza delle cure. Un sistema sanitario che rinunci a questi due profili rendera' un servizio peggiore ai cittadini che, da destinatari dei servizi erogati, e finanziatori del sistema con le loro tasse, saranno i primi a fare sacrifici''.

''All'Italia serve una politica sanitaria che metta il paziente in cima alle priorita' e garantisca a tutti il diritto alla salute, come previsto dalla nostra Costituzione - spiega ancora l'ACOI -. Chiediamo che le forze politiche, i singoli candidati, si impegnino per un piano di rilancio della sanita' pubblica, in un sistema che non rinunci alle specificita' regionali, ma che preveda la centralita' delle regole. Chiediamo che nell'agenda politica si metta al primo posto la salute dei cittadini e il rispetto dei livelli assistenziali minimi, attraverso: riorganizzazione del sistema sanitario nazionale, ristrutturazione della rete ospedaliera, con un ripensamento profondo della sua funzione; integrazione della rete territoriale con il sistema ospedaliero; creazione di un efficiente ed omogeneo sistema di emergenza-urgenza; gestione delle liste di attesa calibrata sulla richiesta, con utilizzo appropriato delle degenze brevi e della chirurgia ambulatoriale; qualita' delle prestazioni: selezione del personale secondo trasparenti criteri di qualita' e di merito; formazione e certificazione delle strutture e dei professionisti; dispositivi medici di qualita', con attenta valutazione delle tecniche innovative e con responsabilita' diretta degli operatori nella scelta; sicurezza delle cure: gestione del rischio; coperture assicurative a garanzia dei professionisti ma anche dei cittadini/utenti, per eliminare gli aberranti fenomeni del contenzioso medico-legale e della medicina difensiva, in un contesto di corretta informazione medico-paziente; modello organizzativo che concili appropriatezza ed umanizzazione delle cure. Sono temi per i quali e' indispensabile un pronunciamento della politica, in un rigoroso e costante confronto con gli operatori e gli utenti. Prima la salute, non e' piu' rinviabile''.

com-ceg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina