domenica 22 gennaio | 14:04
pubblicato il 21/gen/2013 10:36

Elezioni: Ac, ripartire da giovani e famiglie. Servono profonde riforme

(ASCA) - Roma, 21 gen - ''Nel consueto frastuono e clamore della campagna elettorale'', l'Azione cattolica italiana, associazione diffusa capillarmente su tutto il territorio nazionale, intende dare voce ''alle attese, alle speranze e alle preoccupazioni di tante persone 'normali', le quali chiedono una nuova stagione imperniata su quattro parole: responsabilita', sobrieta', equita' e solidarieta'''. E' quanto si legge nella nota ''Abbiamo a cuore il futuro dell'Italia'' del Consiglio nazionale dell'Azione Cattolica Italiana, riunitosi a Roma per i suoi lavori il 18 e il 19 gennaio 2013. L'Ac ritiene che compito della prossima legislatura sia quello di ''coniugare il controllo dei conti pubblici con una diversa e netta rimodulazione delle priorita' sociali. Prima vengono i giovani e le famiglie. Il prossimo Parlamento, e il prossimo governo, devono avere il coraggio di puntare sull'istruzione e la formazione, favorire l'occupazione delle giovani generazioni e delle donne, specie al Sud, alleggerire la pressione fiscale sui nuclei numerosi e con neonati, innovare la rete dei servizi agli anziani e ai piu' deboli perche' nessuno resti indietro, sostenere l'integrazione degli immigrati anche attraverso un piu' agevole accesso ai diritti di cittadinanza, credere in un'Europa unita moralmente prima che economicamente, e nello specifico ruolo dell'Italia come ponte di pace verso il Mediterraneo''. L'Ac esprime inoltre l'auspicio che ''si apra una stagione di riforme profonde e condivise. Riforme economiche, ma non solo. L'Italia ha bisogno anche di una profonda revisione delle istituzioni e dei modelli di partecipazione politica.

Chiediamo che il primo impegno del nuovo governo e del nuovo Parlamento sia quello di porre rimedio alla vergogna dell'attuale legge elettorale, i cui limiti sono emersi in modo lampante anche nella redazione delle liste che ci saranno sottoposte il 24-25 febbraio''. ''Ma occorrono anche interventi profondi - prosegue l'Ac - per superare il bicameralismo perfetto, velocizzare l'iter legislativo, riorganizzare la presenza dello Stato sul territorio, snellire in modo drastico gli enti intermedi, chiarire funzioni e risorse di regioni e comuni. E ancora, si avverte l'urgenza di misure atte a cambiare strutturalmente lo stile di chi presta un servizio pubblico. Ne citiamo due: limite di mandati parlamentari per favorire il rinnovamento e una piu' ampia partecipazione dei cittadini alla vita pubblica; regole ancora piu' ferree e incisive per ridurre all'essenziale, e rendere trasparente, il finanziamento dei costi della politica''.

com-dab/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4