domenica 26 febbraio | 03:16
pubblicato il 16/mag/2011 19:29

Elezioni/ A Torino Fassino vola. Pisapia guida corsa a Milano

Bersani: Ora Bossi rifletta.Casini:Berlusconi ha perso referendum

Elezioni/ A Torino Fassino vola. Pisapia guida corsa a Milano

Roma, 18 mag. (askanews) - A Torino Piero Fassino vola, a Milano Giuliano Pisapia guida la corsa per palazzo Marino, dominando su Letizia Moratti con oltre 4 punti percentuali di scarto e costringendo il centrodestra al ballottaggio proprio sulla sua piazza simbolo, tanto che il primo a gioire è proprio il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, secondo cui "è in atto una inversione di tendenza" con "l'asse Pdl-Lega in crisi" e un governo nazionale "dopo queste elezioni ormai paralizzato". "Chiedo una riflessione a Bossi", ha detto Bersani. "Un vero esecutivo non c'è: è inutile rabberciare con i responsabili". E Casini, dal canto suo, di una cosa si è detto già certo : "Berlusconi ha perso il referendum su se stesso". Anche a Bologna, stando alle ultime proiezioni disponibili, parrebbe profilarsi una vittoria del centrosinistra al primo turno. Virginio Merola, infatti, è dato al 50,4%, mentre il competitor del centrodestra, il leghista Manes Bernardini, si ferma al 30,4%. Ballottaggio prevedibile, invece, a Napoli, dove l'ex pm Luigi De Magistris per ora si piazza davanti davanti al candidato di Sel, Mario Morcone. Per concludere, Torino è sempre più Piero Fassino, che 'vola' al 55,8 contro il 28,7 del candidato di centrodestra Coppola. Ma è la fotografia della corsa sotto la Madonnina a dare la cifra del perchè Francesco Rutelli, leader dell'Api, abbia detto che "l'unico che ha voluto trasfromare queste amministrative in un referendum politico è Berlusconi e mi sembra stia perdendo". A Milano, piazza storica del berlusconismo, dove il premier si è impegnato in prima persona nella campagna elettorale, il candidato del centrosinistra, Giuliano Pisapia, è saldamente in vantaggio46,5%, mentre la Moratti scende ancora al 42,8%. Anche osservando i voti di lista, la situazione è tutt'altro che favorevole al partito del presidente del Consiglio: il Pdl si conferma infatti primo partito con il 29,6%, ma seguito da vicino dal Pd (26,6%). Terza piazza per la Lega, al 10%, mentre continua a crescere il Movimento Cinque Stelle, i grillini, che arrivano al 4,5%, di poco sopra il 4,3% di Sel di Nicki Vendola, che pure esprime il candidato sindaco al momento vincente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech