martedì 06 dicembre | 15:54
pubblicato il 09/gen/2013 13:35

Elezioni: 400 donne in Parlamento, Fond.Bellisario lancia manifesto

(ASCA) - Roma, 9 gen - Avvocati, giornaliste, architetti, commercialisti, ingegneri, imprenditrici e dirigenti. Sono le donne che la Fondazione Marisa Bellisario ha ''autocandidato'' alle prossime elezioni politiche con un obiettivo ambizioso: raggiungere quota 400 donne nei due rami del Parlamento. A presentare il ''Manifesto delle donne'', questa mattina, alla Camera, la presidente della Fondazione, Lella Golfo, e il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. ''Il nostro traguardo - ha spiegato Golfo - e' 'Quota 400' ovvero 400 parlemtari donne nei due rami nel Parlamento e per questo abbiamo lanciato un appello trasversale a tutte le forze politiche, inviando loro quasi duecento autocandidature di donne che con slancio e generosita' hanno deciso di mettersi in gioco e impegnarsi per il futuro del Paese. Il nostro obiettivo e' ottenere da tutti i partiti l'inserimento nei propri programmi dei punti contenuti nel 'Manifesto delle donne' che la Fondazione ha messo a punto''. Il Manifesto propone tre priorita': politiche integrate del lavoro e del welfare per risolvere il dramma dell'esclusione e dell'abbandono del posto di lavoro da parte delle donne, in particolare al Sud; la costituzione del ''Tribunale delle donne'' contro i crimini specifici perpetrati nei confronti della popolazione femminile che porti all'accelerazione e allo snellimento dei processi''.

Infine, politiche di empowerment femminile volte a considerare e accrescere l'affermazione di una sempre piu' solida presenza di donne ai vertici delle istituzioni e delle imprese pubbliche e private. Tutte le autocandidature sono suddivise per partito e sono state inviate alle segreterie dei partiti: ''Abbiamo scritto una lettera a tutti i segretai di partito invitandoli a esaminare questa possibilita' e io sono ottimista - ha detto ancora Lella Golfo - ma le risposte non sono ancora arrivate''. Non tramite le autocandidature, ma alcune professioniste della Fondazione sono state comunque candidate nelle liste elettorali: ''Per il Pd alla Camera e' capolista per la Toscana Maria Chiara Carrozza, una nostra associata in Veneto e' nella lista di Giannino e ce ne sono altre in Lombardia. Insomma, qualcosa e' successo''. Ma ancora non basta anche perche', ha concluso, ''una ricerca ha evidenziato che il 47% delle donne tra i 17 e i 21 anni e' disposta a votare per un 'partito delle donne'. Forse abbiamo perso un treno, questo era il momento giusto per fondare un vero partito delle donne, ma non c'erano le risorse e i mezzi necessari''. map

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Wine2Wine: Germania mercato maturo e complesso
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni