domenica 04 dicembre | 07:06
pubblicato il 22/gen/2014 15:01

Electrolux: Serracchiani, Zanonato dovrebbe dimettersi

Electrolux: Serracchiani, Zanonato dovrebbe dimettersi

(ASCA) - Trieste, 22 gen 2014 - ''Nella gestione della crisi Electrolux il ministro Zanonato ha dimostrato di non avere l'equilibrio necessario per ricoprire il suo delicato incarico: dovrebbe dimettersi''. Lo afferma la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando la dichiarazione resa al ''Gazzettino'' dal ministro stesso, secondo cui ''i problemi e le difficolta' del gruppo svedese riguardano solo lo stabilimento di Porcia e non quello di Susegana''. ''Come presidente di Regione - afferma Serracchiani - devo esprimere un vivissimo rammarico per la condotta tenuta dal ministro Zanonato, che ha preferito saltare tutti i livelli di mediazione, inclusi quelli istituzionali, credendo di risolvere la crisi buttando a mare lo stabilimento di Porcia. Per noi e' inaccettabile il metodo e soprattutto il merito. Ricordo che il 26 novembre in prefettura a Trieste, alla mia presenza, il ministro Zanonato ha assicurato ai lavoratori di Electrolux che sarebbe andato in visita a Porcia: siccome lo stanno ancora aspettando, ci vada lui ora a dirgli che solo loro devono chiudere''. Il ministro Zanonato sceglie Twitter per replicare: ''La mia nota a Zaia dice il contrario di quanto ha inteso la Serracchiani. Mi concentro su Porcia, le polemiche sono dannose''. Intanto, la polemica trova altre sponde. Il governatore del Veneto, Luca Zaia, sottolinea ''di sostenere la richiesta della mia collega Serracchiani, da cui per altro ho una provenienza politica diversa. Come istituzione, non posso non rilevare come sia fondamentale che un ministro dello Sviluppo Economico sia a fianco dei sui cittadini''. ''Su Electrolux, dal 12 ottobre, giorno dell'incontro col sottosegretario Claudio De Vincenti, in quattro governatori aspettiamo una convocazione dal ministro. Questo e' ancora piu' grave se viene da chi, come Zanonato, quando era sindaco ha passato le sue giornate a fare Catone il Censore, richiamando tutti ai suoi doveri. Sembra quasi una sorta di contrappasso dantesco'', conclude Zaia. Su Facebook il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, annuncia ''una mozione di sfiducia'' nei confronti del Ministro per lo sviluppo economico. ''La signora presidente Serracchiani, del Pd - scrive il numero uno della Lega Nord - ha appena chiesto le dimissioni del signor ministro Zanonato, del Pd. Se questo casino e' il 'nuovo' di Renzi... ridateci il vecchio!''. int

 

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari