sabato 21 gennaio | 10:20
pubblicato il 17/ago/2013 11:38

Egitto: Pittella, Ue in drammatico ritardo. Subito sanzioni economiche

Egitto: Pittella, Ue in drammatico ritardo. Subito sanzioni economiche

(ASCA) - Roma, 17 ago - ''Il Consiglio degli Affari Esteri, presieduto dalla signora Ashton, e' inspiegabilmente in ritardo rispetto alla drammatica evoluzione degli eventi egiziani. L'Europa rischia di pagare la lentocrazia dei governi e il prezzo di una ecatombe umanitaria: assistere impotente ai morti e ai feriti nelle strade dell'Egitto, e con gli egiziani, disperati e sui barconi al largo del Mediterraneo, per raggiungere altri paesi, a partire dall'Italia''. Lo ha affermato in una intervista al 'Mattino' Gianni Pittella, vice presidente vicario del Parlamento europeo e candidato alla segreteria del Pd. ''Il Consiglio e' stato convocato per lunedi', ma qui ci troviamo di fronte a una emergenza che spinge a riunire i ministri degli esteri ad horas, altro che lunedi'. Bene ha fatto il Governo italiano a sospendere qualsiasi fornitura di armi. Escluderei - ha aggiunto Pittella - una forza di interposizione europea perche' potrebbe apparire una ingerenza di stampo neocoloniale e poi varerei un'iniziativa fondata su tre punti. Primo: immediata sospensione del conflitto e dimissioni delle forze militari al potere.

Secondo: sanzioni economico-finanziarie all'Egitto condizionando immediatamente tutti gli aiuti Ue attualmente in corso nel campo della ricerca e dell'integrazione. Terzo, far tornare il popolo alle urne. Tutte misure meglio se assunte in accordo con l'Onu e gli Stati Uniti d'America''. ''La disattenzione dell'Europa per il Mediterraneo e' un fatto politico e storico accertato. Nessuno si puo' nascondere. Ma la crisi egiziana - continua il vice presidente vicario del Parlamento europeo - e' l'occasione per riposizionare la politica estera europea finora tutta protesa a garantire l'allargamento a Est. La prima nazione europea a doverne essere convinta e partecipe deve essere l'Italia. L'ondata migratoria delle prossime settimane bussera' alla porta dell'Italia''.

''Non c'e' Europa senza politica estera comune. Di qui la mia proposta - conclude Pittella - che fin dalle prossime elezioni europee del 2014 si proceda all'elezione indiretta del presidente della Commissione europea. Cioe' ogni schieramento sara' collegato al candidato presidente della commissione europea, sottraendo questa facolta' ai governi.

Sarebbe un primo passo per costruire anche una politica estera comune''. com-brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4