venerdì 09 dicembre | 03:19
pubblicato il 17/ago/2013 11:38

Egitto: Pittella, Ue in drammatico ritardo. Subito sanzioni economiche

Egitto: Pittella, Ue in drammatico ritardo. Subito sanzioni economiche

(ASCA) - Roma, 17 ago - ''Il Consiglio degli Affari Esteri, presieduto dalla signora Ashton, e' inspiegabilmente in ritardo rispetto alla drammatica evoluzione degli eventi egiziani. L'Europa rischia di pagare la lentocrazia dei governi e il prezzo di una ecatombe umanitaria: assistere impotente ai morti e ai feriti nelle strade dell'Egitto, e con gli egiziani, disperati e sui barconi al largo del Mediterraneo, per raggiungere altri paesi, a partire dall'Italia''. Lo ha affermato in una intervista al 'Mattino' Gianni Pittella, vice presidente vicario del Parlamento europeo e candidato alla segreteria del Pd. ''Il Consiglio e' stato convocato per lunedi', ma qui ci troviamo di fronte a una emergenza che spinge a riunire i ministri degli esteri ad horas, altro che lunedi'. Bene ha fatto il Governo italiano a sospendere qualsiasi fornitura di armi. Escluderei - ha aggiunto Pittella - una forza di interposizione europea perche' potrebbe apparire una ingerenza di stampo neocoloniale e poi varerei un'iniziativa fondata su tre punti. Primo: immediata sospensione del conflitto e dimissioni delle forze militari al potere.

Secondo: sanzioni economico-finanziarie all'Egitto condizionando immediatamente tutti gli aiuti Ue attualmente in corso nel campo della ricerca e dell'integrazione. Terzo, far tornare il popolo alle urne. Tutte misure meglio se assunte in accordo con l'Onu e gli Stati Uniti d'America''. ''La disattenzione dell'Europa per il Mediterraneo e' un fatto politico e storico accertato. Nessuno si puo' nascondere. Ma la crisi egiziana - continua il vice presidente vicario del Parlamento europeo - e' l'occasione per riposizionare la politica estera europea finora tutta protesa a garantire l'allargamento a Est. La prima nazione europea a doverne essere convinta e partecipe deve essere l'Italia. L'ondata migratoria delle prossime settimane bussera' alla porta dell'Italia''.

''Non c'e' Europa senza politica estera comune. Di qui la mia proposta - conclude Pittella - che fin dalle prossime elezioni europee del 2014 si proceda all'elezione indiretta del presidente della Commissione europea. Cioe' ogni schieramento sara' collegato al candidato presidente della commissione europea, sottraendo questa facolta' ai governi.

Sarebbe un primo passo per costruire anche una politica estera comune''. com-brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni