lunedì 05 dicembre | 11:29
pubblicato il 01/feb/2011 09:00

Egitto/ Frattini: Sostegno pieno Italia a documento Ue

Dialogo con opposizione e transizione ordinata verso democrazia

Egitto/ Frattini: Sostegno pieno Italia a documento Ue

Bruxelles, 1 feb. (askanews) - L'Italia appoggia pienamente le conclusioni del Consiglio Esteri dell'Ue sull'Egitto, e in particolare il punto in cui si invitano le autorità al dialogo con l'opposizione. Lo ha detto, in un incontro con i cronisti ieri sera a Bruxelles, il ministro degli Esteri Franco Frattini, ricordando che "l'Italia, come anche gli altri europei e gli Usa, ha intrattenuto da tempo relazioni con i gruppi dell'opposizione in Egitto, ma è evidente che le dinamiche di questa rivolta, così rapide, nessuno le aveva previste". L'Italia, ha detto Frattini, "sostiene pienamente il documento Ue che parla di transizione ordinata verso la democrazia e riconosce le legittime aspettative democratiche del popolo egiziano, senza interferenze paternalistiche e senza indicare la strada da seguire: la strada la indicheranno gli egiziani... Noi rispettiamo le scelte che farà il popolo egiziano". Inoltre, ha aggiunto il ministro, nella posizione europea c'è "il rifiuto di soluzioni che portino al potere il radicalismo fondamentalista in Egitto, che è un paese chiave per la stabilità del Medio Oriente". Nelle conclusioni del Consiglio, ha spiegato Frattini "parliamo di transizione verso la democrazia, che dovrà includere tutte le forze che rappresentano una visione democratica, e le forze estremistiche e radicali non lo sono". Sebbene la discussione su questo punto sia durata due ore e mezzo, secondo il titolare della Farnesina non ci sono state grandi divergenze in Consiglio sulla posizione da assumere riguardo alla situazione in Egitto: "Non c'e' stata diversificazione, ma la condivisione di alcuni obiettivi di fondo: che la stabilità dell'Egitto è un interesse comune, che bisogna incoraggiare le legittime aspirazioni del popolo egiziano, rifiutare un percorso che porti all'islamismo radicale, e accompagnare il Paese, come avviene anche per la Tunisia, con i programi di sviluppo dell'Ue" che per l'Egitto prevedono finanziamenti da un miliardo di euro in sette anni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari