sabato 03 dicembre | 03:58
pubblicato il 23/ago/2013 19:49

Editoria: Preziosi, oggi serve un servizio pubblico radio-tv europeo

(ASCA) - Rimini, 23 ago - ''Oggi piu' che mai e' necessaria la creazione di un servizio pubblico radiotelevisivo europeo per costruire una coscienza ed una nuova identita' comunitaria''. E' quanto indica il direttore di Radio Uno, Antonio Preziosi, parlando al Meeting di Cl a Rimini dove ha presentato il suo libro dal titolo ''Radiocronaca di una crisi''.

Sulla sua proposta, afferma Preziosi, ci sono ampi consensi, ''adesso serve che le istituzioni europee diano seguito ad iniziative concrete''. Con il semestre di presidenza italiana il paese ha ''una straordinaria occasione per rendersi protagonista di una grande iniziativa''.

Preziosi ha poi sostenuto che ''proprio la radio puo' essere il primo passo del servizio pubblico europeo, esattamente come lo fu la Rai per il nostro paese. Una radio europea, con un giornale radio europeo in tutte le lingue dell'Unione europea. Questa e' la sfida che oggi le istituzioni sono chiamate ad affrontare ed a vincere''.

did/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari