venerdì 24 febbraio | 14:35
pubblicato il 23/ago/2013 19:49

Editoria: Preziosi, oggi serve un servizio pubblico radio-tv europeo

(ASCA) - Rimini, 23 ago - ''Oggi piu' che mai e' necessaria la creazione di un servizio pubblico radiotelevisivo europeo per costruire una coscienza ed una nuova identita' comunitaria''. E' quanto indica il direttore di Radio Uno, Antonio Preziosi, parlando al Meeting di Cl a Rimini dove ha presentato il suo libro dal titolo ''Radiocronaca di una crisi''.

Sulla sua proposta, afferma Preziosi, ci sono ampi consensi, ''adesso serve che le istituzioni europee diano seguito ad iniziative concrete''. Con il semestre di presidenza italiana il paese ha ''una straordinaria occasione per rendersi protagonista di una grande iniziativa''.

Preziosi ha poi sostenuto che ''proprio la radio puo' essere il primo passo del servizio pubblico europeo, esattamente come lo fu la Rai per il nostro paese. Una radio europea, con un giornale radio europeo in tutte le lingue dell'Unione europea. Questa e' la sfida che oggi le istituzioni sono chiamate ad affrontare ed a vincere''.

did/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech