sabato 03 dicembre | 08:27
pubblicato il 27/gen/2014 13:57

Editoria: Mucchetti (Pd), no a vantaggi a privati con aiuti pubblici

Editoria: Mucchetti (Pd), no a vantaggi a privati con aiuti pubblici

(ASCA) - Roma, 27 gen 2014 - I fondi di sostegno all'editoria non finiscano in bonus per i manager o a sostegno di ristrutturazioni e ammortizzatori sociali. E' quanto chiede il presidente della Commissione Industria della Camera, Massimo Mucchetti, in un'interrogazione al presidente del Consiglio Enrico Letta e al ministro dello sviluppo economico Flavio Zanonato.

La legge di stabilita' 2014, ricorda Mucchetti nell'interrogazione, ''istituisce presso la Presidenza del Consiglio dei ministri il Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all'editoria, con la dotazione di 50 milioni per l'anno 2014, di 40 milioni per l'anno 2015 e di 30 milioni per l'anno 2016'' con ''tra le altre, la finalita' di sostenere le ristrutturazioni aziendali e gli ammortizzatori sociali delle imprese editoriali''.

Nell'interrogazione si chiede di sapere: ''Se il Governo sia a conoscenza di delibere (o progetti di delibere) da parte di societa' editoriali per la concessione di bonus, stock option e altre forme di aumenti retributivi ai manager nel corso o all'esito di ristrutturazioni che potrebbero ricevere i contributi del Fondo; se risultino dei contratti di solidarieta' tra i dipendenti in atto o in fase di negoziazione tra i sindacati e le imprese editoriali con integrazione della retribuzione a carico delle casse o dei fondi previdenziali di categoria. se intenda prescrivere, nel decreto per l'erogazione dei contributi del Fondo, da adottare entro il 31 marzo di ogni anno del triennio, l'obbligo di informativa su eventuali aumenti retributivi a manager o eventuali ammortizzatori sociali in essere da parte delle imprese editoriali che richiedano o abbiano richiesto i contributi.

Il presidente della Commissione Industria della Camera chiede al governo anche: ''Se intenda condizionare, come pare opportuno all'interrogante, l'assegnazione dei contributi alla rinuncia a bonus, stock option e altre forma di aumento retributivo per i dirigenti delle imprese editoriali beneficiarie di contributi pubblici alla ristrutturazione e agli ammortizzatori sociali; se intenda accertare la sostenibilita' finanziaria delle integrazioni retributive, previste nei contratti di solidarieta', ai fini della salvaguardia della solvibilita' prospettica delle casse e dei fondi previdenziali di categoria''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari