lunedì 23 gennaio | 10:06
pubblicato il 08/ago/2013 11:43

Editoria: Legnini, apriremo ai giovani le porte dei giornali

Editoria: Legnini, apriremo ai giovani le porte dei giornali

(ASCA) - Roma, 8 ago - ''Per la prima volta tutte le parti coinvolte si riconoscono in una piattaforma condivisa sulla quale innestare i prossimi interventi normativi. E quando dico tutte le parti, mi riferisco non solo agli editori, ma ai giornalisti, ai poligrafici, ai distributori e agli edicolanti. Una condivisione si e' estesa anche al Parlamento''. Lo ha detto il sottosegretario alla presidente del Consiglio con delega all'Editoria, Giovanni Legnini, nel corso di un'intervista a La Stampa, in merito all'accordo sull'Editoria raggiunto martedi' scorso tra il governo e l'intera filiera del settore. Sull'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, ostacolato dalle crisi aziendali dei gruppi editoriali, Legnini afferma: ''E' un problema per noi prioritario. Non possiamo dire che i giornali debbono innovarsi, passare all'online, corrispondere a tutte le spinte innovative prescindendo dalle assunzioni dei giovani. Ci sono dei vincoli normativi frutto di un contesto storico molto diverso dall'attuale. Ad oggi, se io editore licenzio giornalisti non posso assumere dei giovani perche' e' considerato un modo di eludere le regole e gravare oneri impropri sul bilancio pubblico. Ma il ricambio generazionale e' una necessita' ineludibile, indotta dalle trasformazioni in atto''. ''Guardare avanti e non indietro - dice il sottosegretario parlando della filosofia alla quale si ispira l'accordo - E' questo il tratto distintivo che trova massima evidenza nelle dinamiche relative alle crisi aziendali. Non abbiamo detto rifinanziamo tout court gli ammortizzatori sociali e i prepensionamenti, ma piuttosto che dobbiamo sostenere i piani di ristrutturazione aziendale che vanno verso l'innovazione.

A fronte di progetti concreti, metteremo a disposizione strumenti per l'accesso al credito, incentivi per l'assunzione dei giovani e, quindi, anche ammortizzatori e sostegni all'uscita''. Alla domanda dell'iuntervistatore sui costi previsti, Legnini risponde spiegando che ''le cifre devono ancora essere determinate e verificate e che il governo sta valutando il da farsi sul fronte delle risorse da destinare''. ''E chi continua a sostenere - per la verita' pochi - che regaliamo soldi ai giornali si sbaglia di grosso per il semplice fatto che non e' vero'', conclude. red-sgr/res/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4