venerdì 24 febbraio | 04:48
pubblicato il 13/feb/2014 12:00

Dossier Governo su voli Stato: "con Berlusconi spesi 35 mln"

Lo pubblica "l'Espresso" :jet ogni 3 giorni, ora risparmio 26 mln

Dossier Governo su voli Stato: "con Berlusconi spesi 35 mln"

Roma, 13 feb. (askanews) - il primo rapporto completo sui voli di Stato, che permette di capire esattamente quanti soldi siano stati bruciati dal governo Berlusconi: nel 2010 soltanto per le trasferte dell'allora Premier e del suo esecutivo sono stati spesi 35 milioni di euro. Il documento - rivelato da "l'Espresso" nel numero in edicola domani - è stato scritto dal colonnello Giovanni Bardelli, coordinatore a Palazzo Chigi del Servizio per i voli di Stato. Nel 2010 gli otto tra Airbus e Falcon a disposizione della presidenza del Consiglio decollavano senza sosta, collezionando un primato di 10.640 ore di volo, di cui 6697 per le trasferte del Cavaliere e dei suoi fedelissimi. L'anno successivo i venti di crisi hanno cominciato a pesare e si è scesi a 8540, con 5343 ore per i voli blu. Poi è bastato l'arrivo alla presidenza del Consiglio di Mario Monti per tirare il freno e calare a 6.069 ore, metà delle quali per i vip. Infine con Enrico Letta il taglio è stato completato: nel 2013 5.378 e solo 1.877 si riferiscono alle trasferte di governo. Il costo per le missioni delle autorità si è ridotto a 9 milioni di euro: un risparmio di ben 26 milioni. Nel dossier c'è anche l'elenco dei viaggi dei premier. Nel 2010 risultano ben 130 decolli per Berlusconi, uno ogni tre giorni; diminuiscono a 116 nel 2011 con il Cavaliere in carica fino al mese di novembre; si attestano a 87 nel 2012 sotto Mario Monti; crollano a 64 nel 2013 con l'arrivo di Enrico Letta. In picchiata anche le spese complessive, che includono anche i decolli umanitari e quelli per l'addestramento: da 53 milioni 200 mila euro del 2010, a 42 milioni 700 mila nel 2011, quindi 30 milioni 345 mila nel 2012 e ad appena 26 milioni 890 mila euro nel 2013. Ora con la diminuzione delle trasferte alate la flotta vip è diventata eccessiva: l'Italia ha messo in vendita un Airbus e due Falcon. Per l'acquisto si è fatto avanto il governo sloveno: la trattativa non è stata ancora conclusa, ma stando al documento dovrebbe portare nelle casse pubbliche 50 milioni di euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech