sabato 10 dicembre | 13:57
pubblicato il 20/giu/2016 15:44

Dopo il voto minoranza Pd all'attacco. Orfini: convocare congresso

Guerini esclude conseguenze sul governo

Dopo il voto minoranza Pd all'attacco. Orfini: convocare congresso

Roma, 20 giu. (askanews) - Mentre Matteo Renzi attende il momento propizio per fare la sua analisi del voto, la minoranza Pd è partita all'attacco per la sconfitta delle amministrative. Prima Roberto Speranza, poi Gianni Cuperlo hanno chiarito che "bisogna cambiare rotta" e che la Direzione di venerdì dovrà essere la prima occasione per cominciare a riflettere sul messaggio che arriva dalle urne. Intanto il presidente del Pd, nonchè commissario romano, Matteo Orfini, conferma la necessità di convocare il congresso a ottobre e non nasconde tutti i limiti e le colpe che hanno portato il "partito di mafia capitale" alla sconfitta.

"I numeri sono come pietre: il risultato è oggettivamente non buono per il Pd e dà un segnale molto chiaro a Renzi, al governo, a tutto il Pd, questo è un problema vero e bisogna capire le ragioni di questo voto", ha detto il leader della minoranza dem che ha convocato una riunione di tutte le componenti di 'opposizione' a Renzi per un'assemblea giovedì al Nazareno, prima della Direzione di venerdì. Speranza chiede "con forza un cambiamento di rotta: non si può far finta di nulla, guai a mettere la testa sotto la sabbia".

"Non mi convince l'idea che si perde perché non si è spinta la rottamazione fino in fondo. Non mi convince l'idea che si vince solamente con volti 'giovani e belli' e che la battaglia politica possa ridursi a un fattore biografico o estetico", dice Cuperlo, secondo il quale il problema non è il doppio incarico di Renzi: "Non mi convince la sicurezza che porta alcuni a chiedere come primo atto la distinzione tra la carica di segretario e quella di premier". Piuttosto serve "una correzione seria della rotta che per me significa una svolta culturale, politica, dell'identità di un centrosinistra di governo".

Il segretario-premier non ha ancora commentato ma entro la giornata sicuramente farà sentire la sua. L'unico a chiarire la posizione della dirigenza dem è stato il vicesegretario Lorenzo Guerini che ha chiarito: "la sconfitta del Pd a Roma e a Torino e in altri comuni "non avrà conseguenze sul governo", pur ammettendo che "non è un turno amministrativo che ci vede soddisfatti" soprattutto "il risultato non in linea con le previsioni della vigilia è quello di Torino. E' una sconfitta che ci lascia molto delusi", ha detto in un'intervista.

Il presidente del Pd invece è stato più duro e ha ribadito la necessità "di convocare il congresso entro ottobre, questo prevedono le nostre regole. E questo accadrà. Quella sarà la sede in cui faremo le scelte, ma è ovvio che abbiamo bisogno di discutere, da subito". "Dopo un risultato come quello di Roma credo che solo una cosa non si possa fare: discutere per finta - ha sottolineato Orfini -. Abbiamo il dovere della sincerità. Che significa riconoscere gli errori, ma anche ricostruire i fatti con precisione per evitare di sbagliare ancora. E vale per tutti, prima di tutto per me".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina