sabato 10 dicembre | 23:18
pubblicato il 15/feb/2014 12:00

Domani Sardegna al voto per il Governatore,rischio astensionismo

Il 50% degli elettori potrebbe disertare urne. Sfida a cinque

Domani Sardegna al voto per il Governatore,rischio astensionismo

Cagliari, 15 feb. (askanews) - Potrebbe essere l'astensionismo il vero vincitore delle elezioni per il nuovo governatore della Sardegna e il rinnovo del Consiglio Regionale che i sardi sceglieranno domenica. Stando agli ultimi sondaggi disponibili, quasi metà degli elettori sardi (complessivamente 1.479.286, di cui 754.490 donne e 724.796 uomini), potrebbe non recarsi alle urne domani, 16 febbraio, data fissata per la consultazione elettorale. Si vota in un'unica giornata: i seggi saranno aperti dalle 6.30 fino alle 22, mentre lo scrutinio avrà inizio lunedì mattina alle 7. A pesare, e molto, è la situazione di grave crisi economica e sociale che attanaglia l'isola. La disoccupazione è arrivata al 18 per cento contro il 12 per cento della media nazionale. Non basta: la fiducia dell'elettorato ha ricevuto un colpo mica da poco con l'inchiesta sull'utilizzo irregolare dei fondi dei gruppi in Consiglio Regionale che ha coinvolto molti esponenti politici regionali, compresa Francesca Barracciu, vincitrice delle primarie del centro-sinistra, poi costretta a lasciare il posto di candidato presidente all'economista Francesco Pigliaru. Cinque le coalizioni in lizza: quella di centrodestra, capeggiata dal governatore uscente Ugo Cappellacci, anche lui alle prese con guai giudiziari. Per il centro-sinistra correrà invece Francesco Pigliaru, economista, prorettore dell'Università di Cagliari, a capo di una coalizione di undici liste. Fin qui niente di diverso, sostanzialmente, rispetto al 2009. La novità è rappresentata dalla scrittrice Michela Murgia, candidata governatrice per una coalizione di tre liste, Sardegna Possibile, che punta a raccogliere il voto di chi non si sente rappresentato dai due schieramenti tradizionali e magari anche dell'elettorato del Movimento 5 Stelle che non parteciperà a queste elezioni sarde. Gli altri candidati sono l'ex fedelissimo di Silvio Berlusconi, Mauro Pili à(Unidos), àPier Franco Devias à(Fronte indipendentista Unidu) e àGigi Sanna à(Movimento Zona Franca). L'obiettivo per i contententi superare il 40 per cento dei consensi, un fatto che permetterà alla coalizione vincente di aggiudicarsi il 60 per cento dei seggi in Consiglio Regionale (complessivamente 60) e godere quindi di una maggioranza stabile. Qualora non si raggiungesse questa soglia, il rischio per il vincitore sarà quello di dover cercare il sostegno di altri partiti. Per i consiglio si utilizzerà il sistema proporzionale, per il presidente quello maggioritario. Le circoscrizioni regionali in cui è stato ripartito il territorio della Sardegna sono complessivamente otto:Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Sassari. Agli elettori verrà consegnata un'unica lista sia per il candidato governatore che per il Consiglio Regionale. Se l'elettore vota per una lista, il voto vale àanche per il candidato presidente collegato ed è possibile indicare un voto di preferenza. Possibile anche il voto disgiunto, ovvero votare un candidato presidente anche non collegato alla lista circoscrizionale scelta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina