sabato 25 febbraio | 02:21
pubblicato il 09/feb/2015 18:33

Domani riparte maratona Camera su riforme, orfana del Nazareno

Renzi vuole ok entro sabato, ritmi serrati. Mani libere per Fi

Domani riparte maratona Camera su riforme, orfana del Nazareno

Roma, 9 feb. (askanews) - Riprende domani l'esame del ddl riforme costituzionali in Aula alla Camera, che modifica la composizione del Senato, il procedimento legislativo e la ripartizione di competenze tra Stato e Regioni, dopo la pausa di due settimane per l'elezione del presidente della Repubblica e la conseguente rottura del patto del Nazareno.

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha dato l'avanti tutta sulle riforme anche se dovessero essere approvate senza Fi. Il premier, come anche il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, è convinto che in Parlamento i numeri per andare avanti ci sono comunque. Dal canto suo il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha fatto sapere che il suo partito ricomincerà a fare il suo ruolo di opposizione e che voterà solamente le norme "positive per il Paese". Una dichiarazione che potrebbe essere rafforzata dopo l'incontro con il leader della Lega, Matteo Salvini che fa intravdere un "patto di opposizione forte" per mettere i bastoni tra le ruote a Renzi in sulle riforme e la presentazione di una serie di subemendamenti agli emendamenti dei relatori.

Anche il Movimento 5 stelle ha già fatto sapere che presenterà qualche centinaio di subemendamenti per poi dare battaglia in particolare sull'emendamento che prevede che l'Italicum sia sottoposto al vaglio preventivo della Corte costituzionale.

Il calendario d'Aula si presenta comunque serratissimo: si lavorerà dalle 9 alle 23 tutti i giorni, sabato compreso, anche se una data per il voto finale non è stata ancora fissata. I tempi contingentati a disposizione dei gruppi stanno finendo, rimangono 3 ore all'opposizione, 19 alla maggioranza, 3 al gruppo misto, quasi 21 per gli interventi a titolo personale, ma le votazioni ancora da effettuare sono 1.600 (700 su emendamenti e articoli, 900 su subemendamenti). Gli articoli da affrontare sono 21: dal 10 al 20 sul procedimento legislativo e dal 31 al 40 sul Titolo V.

La seduta si aprirà domani mattina alle 10 e l'obiettivo di governo e maggioranza è quello di approvare il ddl entro il pomeriggio del prossimo sabato, anche se la nuova posizione di Forza Italia potrebbe fare divenire ambizioso il traguardo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech