sabato 03 dicembre | 10:50
pubblicato il 28/giu/2015 17:44

Domani ricorso De Luca mentre centrodestra chiede commissario

Si valuta costituzione in giudizio per agibilità istituzionale

Domani ricorso De Luca mentre centrodestra chiede commissario

Napoli, 28 giu. (askanews) - I consiglieri di opposizione del centrodestra stanno valutando, con i loro legali, la possibilità di costituirsi in giudizio non appena sarà nota la data dell'udienza che, molto probabilmente, la prima sezione civile del Tribunale di Napoli fisserà per deliberare sul ricorso di Vincenzo De Luca contro la legge Severino. Ricorso che, stando agli eventi delle ultime ventiquattro ore, il neogovernatore sarebbe pronto a presentare già domani mattina. Lo si apprende da fonti vicine allo schieramento di centrodestra.

L'obiettivo del centrodestra, spiegano le stesse fonti, è quello di sostenere la tesi per cui occorre garantire l'agibilità istituzionale, il che può essere fatto con la nomina di un commissario di governo. Si tratterebbe, di una situazione simile a quella verificatasi in Molise che portò all'annullamento delle elezioni regionali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari