martedì 06 dicembre | 02:16
pubblicato il 08/nov/2011 22:24

Domani nasce gruppo dissidenti. Scajoliani ed ex An in fermento

Girandola riunioni. Pdl dice no urne, ma pesano distinguo

Domani nasce gruppo dissidenti. Scajoliani ed ex An in fermento

Roma, 8 nov. (askanews) - Ora che il dado è tratto, la fronda non si accontenta più di essere tale. E così appena Silvio Berlusconi ha annunciato che si dimetterà una volta varata la legge di Stabilità, sono cominciate le manovra per cercare di 'capitalizzare' i frutti del dissenso. E l'obiettivo è quello di dare vita, già domani, al nucleo di un nuovo gruppo. A farne parte dovrebbero essere fra gli altri, e solo per iniziare, una decina di parlamentari: Luciano Sardelli, Antonio Milo, Fabio Gava, Giustina Destro, Roberto Antonione, Giancarlo Pittelli e Antonio Mannino. Tra i 'papabili' ci sarebbe poi Santo Versace, senza escludere una interlocuzione con gli ex Fli (Urso, Scalia e Buonfiglio). Il tentativo, una volta incassato il passo indietro del Cavaliere, è quello di evitare il voto anticipato. Possibilità verso la quale propende, almeno questa è la linea ufficiale, il partito di maggioranza relativa. Ma, come era inevitabile dopo lo showdown di oggi, anche all'interno del Pdl sono riprese riunioni e conciliaboli. Sono tornati a vedersi anche gli scajoliani, che pure hanno garantito il loro voto oggi al governo. L'idea degli uomini vicini all'ex ministro dello Sviluppo è che le elezioni anticipate sarebbero un danno da evitare. Anche per questo sarebbe stata ritirata fuori l'ipotesi di creare un gruppo. Altra riunione 'improvvisata', a sentire i promotori, quella di una trentina di deputati ex An, questa sera alla Camera. C'erano i big, da La Russa a Matteoli, da Gasparri a Corsaro a Meloni, ma anche Beccalossi, De Angelis, Martinelli, Laffranco e parecchi altri. Mentre era in corso la riunione le agenzie hanno diffuso la notizia dell'esito dell'incontro del Colle. Parecchi ex An presenti hanno sostenuto nel corso dell'incontro la tesi che urne anticipate non aiuterebbero il rafforzamento del Pdl e indebolirebbero Alfano. Meglio sostenere un governo di centrodestra allargato, pur cercando di preservare l'intesa con la Lega.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari