sabato 10 dicembre | 00:08
pubblicato il 13/gen/2015 16:36

Domani Napolitano lascia il Quirinale, Grasso supplente

Comunica dimissioni ai vertici istituzionali, poi torna a casa

Domani Napolitano lascia il Quirinale, Grasso supplente

Roma, 13 gen. (askanews) - Mancano ormai meno di 24 ore alle dimissioni di Giorgio Napolitano da presidente della Repubblica. Dopo settimane di indiscrezioni, di mezzi annunci, di annunci ufficiali (come quello di fine anno), il capo dello Stato lascerà domani il Quirinale, dopo averlo abitato per quasi nove anni.

Come da copione sono queste le ore, i giorni dei saluti, dalle cariche istituzionali ai dipendenti della presidenza della Repubblica ai carabinieri appartenenti al reggimento dei Corazzieri. Il commiato formale si avrà invece domani. A metà mattinata, come consuetudine, il segretario generale del Quirinale Donato Marra si recherà, con la lettera delle dimissioni di Napolitano in tasca, dai presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, e dal presidente del Consiglio Matteo Renzi per comunicare formalmente la decisione del capo dello Stato. Dopo il rientro del segretario generale a Palazzo, Napolitano, nei tempi che riterrà più opportuni (prevedibilmente nella stessa mattinata), lascerà - dopo che gli saranno stati resi gi onori militari - il Quirinale. Da quel momento sarà un ex capo dello Stato - o meglio un presidente della Repubblica emerito - e un nuovo senatore a vita.

Napolitano, come fatto dalla maggior parte degli ex presidenti all'uscita dal Quirinale, dovrebbe rientrare nel suo appartamento in via dei Serpenti. In un secondo momento si recherà a palazzo Giustiniani, al Senato, dove prenderà possesso del suo nuovo studio, nel quale da tempo ha già fatto trasferire i suoi libri e il suo materiale di studio.

Contemporaneamente a Napolitano si trasferirà a palazzo Giustiniani anche il presidente del Senato Grasso, che assume le funzioni di presidente della Repubblica supplente, la cui sede è appunto nel palazzo senatoriale. Da domani, dal momento delle dimissioni comunicate formalmente attraverso lettera scritta ai tre presidenti, scatteranno i quindici giorni nel corso dei quali la presidente Boldrini dovrà convocare il Parlamento in seduta comune (più i delegati regionali) per eleggere il nuovo capo dello Stato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina