lunedì 16 gennaio | 14:04
pubblicato il 13/gen/2015 16:36

Domani Napolitano lascia il Quirinale, Grasso supplente

Comunica dimissioni ai vertici istituzionali, poi torna a casa

Domani Napolitano lascia il Quirinale, Grasso supplente

Roma, 13 gen. (askanews) - Mancano ormai meno di 24 ore alle dimissioni di Giorgio Napolitano da presidente della Repubblica. Dopo settimane di indiscrezioni, di mezzi annunci, di annunci ufficiali (come quello di fine anno), il capo dello Stato lascerà domani il Quirinale, dopo averlo abitato per quasi nove anni.

Come da copione sono queste le ore, i giorni dei saluti, dalle cariche istituzionali ai dipendenti della presidenza della Repubblica ai carabinieri appartenenti al reggimento dei Corazzieri. Il commiato formale si avrà invece domani. A metà mattinata, come consuetudine, il segretario generale del Quirinale Donato Marra si recherà, con la lettera delle dimissioni di Napolitano in tasca, dai presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, e dal presidente del Consiglio Matteo Renzi per comunicare formalmente la decisione del capo dello Stato. Dopo il rientro del segretario generale a Palazzo, Napolitano, nei tempi che riterrà più opportuni (prevedibilmente nella stessa mattinata), lascerà - dopo che gli saranno stati resi gi onori militari - il Quirinale. Da quel momento sarà un ex capo dello Stato - o meglio un presidente della Repubblica emerito - e un nuovo senatore a vita.

Napolitano, come fatto dalla maggior parte degli ex presidenti all'uscita dal Quirinale, dovrebbe rientrare nel suo appartamento in via dei Serpenti. In un secondo momento si recherà a palazzo Giustiniani, al Senato, dove prenderà possesso del suo nuovo studio, nel quale da tempo ha già fatto trasferire i suoi libri e il suo materiale di studio.

Contemporaneamente a Napolitano si trasferirà a palazzo Giustiniani anche il presidente del Senato Grasso, che assume le funzioni di presidente della Repubblica supplente, la cui sede è appunto nel palazzo senatoriale. Da domani, dal momento delle dimissioni comunicate formalmente attraverso lettera scritta ai tre presidenti, scatteranno i quindici giorni nel corso dei quali la presidente Boldrini dovrà convocare il Parlamento in seduta comune (più i delegati regionali) per eleggere il nuovo capo dello Stato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%