domenica 22 gennaio | 23:44
pubblicato il 25/lug/2013 13:57

Dl lavoro-Iva: Uras (Sel), acrobazie e soluzioni confuse

Dl lavoro-Iva: Uras (Sel), acrobazie e soluzioni confuse

(ASCA) - Roma, 25 lug - ''Certe acrobazie sono soluzioni confuse o, peggio, furbizie per cogliere alcune specifiche realta' aziendali. Il decreto legge in materia di lavoro che stiamo esaminando individua tra le categorie di lavoratori giovani e svantaggiati quelli meno qualificati, privi di diploma anche professionale, e, con una bizzarria, anche quelli che 'vivono soli con persone a carico'. Un paradosso, quasi inspiegabile. In ogni modo una rarita'''. Lo ha detto in Aula il senatore Luciano Uras, capogruppo di Sinistra, Ecologia e Liberta' in commissione Bilancio, durante la discussione generale del Dl Lavoro-Iva. ''La filosofia del provvedimento e' vecchia, contraddittoria, e inadatta a modificare l'andamento negativo del mercato del lavoro. Da una parte si interviene con incentivi alle imprese per ogni lavoratore assunto a tempo indeterminato, dall'altra si rendono ancora piu' flessibili le tipologie contrattuali a termine e atipiche, aggravando ulteriormente la precarizzazione del rapporto di lavoro. I tirocini formativi e di orientamento passano da strumento di crescita professionalizzante a favore del tirocinante, ad una modalita' di lavoro quasi gratuito a favore dell'impresa o della pubblica amministrazione''. ''Cosi' - ha proseguito Uras - si sviluppa ancora di piu' la presenza dei precari nel pubblico impiego. Si usano vecchi strumenti adatti ai periodi di crescita della produzione e dei consumi, in una fase di violenta contrazione dell'una e degli altri. Secondo i dati diffusi da ''Union Camere'' con questi sistemi, se va bene, si potranno forse realizzare circa 50/60 mila assunzioni a fronte di una nuova perdita di posti di lavoro pari a 250 mila unita'. Per questo serve ben altro. Serve investire sull' istruzione e la formazione, premiare chi ha investito sulla propria preparazione. Serve una vera semplificazione delle tipologie contrattuali e - ha concluso Uras - un investimento robusto in politiche attive del lavoro''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4