venerdì 24 febbraio | 06:58
pubblicato il 22/apr/2014 13:46

Dl lavoro: Ferrara (Sel), provvedimento non affronta emergenze Paese

(ASCA) - Roma, 22 apr 2014 - ''Il decreto lavoro non affronta le emergenze vere del Paese come dimostrato anche dagli ultimi dati Istat dai quali emerge come oltre un milione di famiglie vive senza un reddito da lavoro. Gli 80 euro dati solo ai lavoratori dipendenti rappresentano solo una goccia nel mare di poverta' in cui il Paese rischia di annegare''. Lo afferma in una nota il deputato di Sel Ciccio Ferrara.

''Per creare lavoro non occorre inserire altra flessibilita' nel mercato del lavoro e produrre nuova precarieta'. Piuttosto servono nuove politiche di sviluppo, investimenti e misure a favore degli incapienti e di tutti quei soggetti che oggi vivono sotto la soglia di poverta'.

Questo e' possibile soltanto se si abbandonano le politiche di rigore e di austerity imposte dall'Unione europea e si comincia a ragionare di una nuova politica economica che rimetta al centro il valore del lavoro e la dignita' delle persone'', conclude l'esponente di Sel.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech