lunedì 05 dicembre | 10:30
pubblicato il 23/apr/2014 10:46

Dl lavoro: Brunetta, fiducia e' imbroglio. Renzi non ha voti maggioranza

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - ''La fiducia sul decreto lavoro e' un imbroglio. Renzi mette la fiducia perche' non ha la fiducia, perche' non ha i voti della sua maggioranza, perche' un partito, il Nuovo Centrodestra gli ha detto di ''no' e quindi se si fosse votato con il no del Nuovo Centrodestra, se si fosse votato in maniera ordinaria, sarebbe caduto il governo, non ci sarebbe stata piu' la maggioranza''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, a ''Radio Anch'io'', su Radio Uno, presentando il suo ultimo libro ''La mia utopia. La piena occupazione possibile''. ''Mettendo la fiducia - sottolinea l'ex ministro - drammatizzando fintamente la situazione, per il momento si rinvia al Senato quello che io ho chiamato ''porto delle nebbie' o ''porto delle sabbie', dove tutto ormai e' insabbiato. E' insabbiato l'Italicum, e' insabbiata la riforma costituzionale e tra qualche giorno sara' insabbiato anche il decreto Poletti'', conclude Brunetta. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari