sabato 25 febbraio | 21:42
pubblicato il 06/mag/2014 12:21

Dl Irpef: Brunetta, controllo preventivo Quirinale non ha funzionato

Dl Irpef: Brunetta, controllo preventivo Quirinale non ha funzionato

(ASCA) - Roma, 6 mag 2014 - ''Il filtro del controllo preventivo in tema di rispetto dei principi di carattere costituzionale, e in particolare dell'articolo 81 della Costituzione, da parte del Quirinale sui provvedimenti normativi del governo'' non ha funzionato ''e di questo non possiamo che rammaricarci''. Lo scrive il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, in una nuova lettera aperta al capo dello Stato, Giorgio Napolitano. ''Caro presidente - scrive Brunetta - , continua la nostra corrispondenza epistolare, cominciata con la lettera del 31 marzo 2014, in cui esprimevo forti preoccupazioni sul quadro di finanza pubblica italiano, e a cui ha fatto seguito la lettera del 14 aprile 2014, immediatamente successiva al varo, da parte del governo, del Documento di economia e finanza, che ha aumentato il livello di apprensione sui conti pubblici italiani , anche in considerazione dei possibili riflessi nelle valutazioni sul nostro Paese della Commissione europea da un lato e degli altri Organismi internazionali e dei mercati dall'altro''. ''Si riteneva, infatti - prosegue -, necessaria una grande vigilanza di tutte le Istituzioni affinche' la campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo non prendesse il sopravvento, spingendo la maggioranza a scelte che, un domani, potrebbero ritorcersi anche non solo contro se stessa, ma anche, cio' che piu' conta, contro l'intero Paese. E che, soprattutto, avrebbero un grave impatto negativo sull'immagine dell'Italia. A seguito di queste lettere avevamo avuto risposte di rassicurazione, ma, nonostante il lungo travaglio, il decreto cosiddetto 'Irpef', dall'incertezza delle cui coperture derivavano i nostri dubbi, e' stato controfirmato. Dubbi, i nostri, tutti confermati dalla Nota di lettura n. 45 del 2 maggio 2014 redatta dal Servizio bilancio del Senato della Repubblica, tra l'altro ingiustamente e volgarmente criticato dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi''. Quindi Brunetta conclude: ''Tutto quanto sopra ci porta a pensare che il filtro del controllo preventivo in tema di rispetto dei principi di carattere costituzionale, e in particolare dell'articolo 81 della Costituzione, da parte del Quirinale sui provvedimenti normativi del governo non abbia funzionato come nel passato. E di questo non possiamo che rammaricarci''. com-sgr/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech